Un parcheggio auto sotto Piazza Plebiscito con i soldi del PNRR

piazza plebiscito parcheggio auto sotterraneo

piazza plebiscito parcheggio auto sotterraneo“Con Determina nr. 840 datata 02.08.2022 il dirigente dell’Area Lavori Pubblici ha indetto il concorso di progettazione per “Rigenerazione del Tessuto Urbano Consolidato per la realizzazione dell’asse attrezzato - Ferrovia – Piazza Plebiscito – Infrastrutturazione di Spazi Per la Sosta Veicolare” dell’importo complessivo di € 5.000.000,00”; si tratta di uno dei primi progetti a valere sul PNRR che dovrebbe consentire la realizzazione di un nuovo asse viario tra la stazione ferroviaria e Piazza Plebiscito con previsione di un parcheggio auto sotterraneo alla stessa piazza.

Vecchia idea quella di costruire “al centro” città un grande hub automobilistico che “soddisfi” il bisogno degli automobilisti gioiesi di muoversi liberamente, in auto, attraversando il centro cittadino e finalmente trovando un parcheggio che ora non c’è. Questa scelta mai realizzata per mancanza di grandi risorse, si potrebbe paradossalmente realizzare adesso.

Con Determina nr.427 datata 02.05.2022 lo stesso dirigente dell’Ufficio Tecnico affidava l’incarico di progettazione del PUMS (1^ fase) di Gioia del Colle per un importo di Euro 39.500.

Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile è strumento basilare per avviare concretamente un nuovo modello di mobilità nella nostra cittadina; una mobilità finalmente rispettosa dell’ambiente e delle persone.

Uno dei presupposti del PUMS è quello educativo: scoraggiare i cittadini all’uso dell’automobile (inquinante e causa dell’occupazione di notevole spazio pubblico) per favorire spostamenti con mezzi non inquinanti, biciclette, monopattini, …

Tutto il mondo della mobilità alternativa è impegnato oggi a portare avanti questo tipo di scelte che porteranno, si spera , a cambiare abitudini in modo tale che i nuovi comportamenti possano aiutare il pianeta a sopravvivere.

Infatti, per fortuna, giungono ottime notizie sul Biciplan Metropolitano (avviato con la cooperazione dei Comuni della Città Metropolitana dall'estete del 2016, quando Gioia si inserì pienamente nella progettualità strategica). Almeno il Piano Metropolitano resta impostato sul reale principio di sostenibilità della mobilità.

Mentre le due scelte della amministrazione Mastrangelo (quelle alla base delle due determine citate (ovvero avviare un progetto per la mobilità alternativa e inseguire una vecchia idea per l’utilizzo dell’auto nel centro cittadino) ci sembra siano davvero contrapposte, un controsenso inspiegabile, o per meglio dire, spiegabile solo con la volontà di accontentare tutti e non scontentare nessuno.

Sarà giunto il momento per fare una scelta che vada in una direzione ben precisa? Peraltro si stanno impegnando risorse notevoli sia per un progetto che per l’altro e i fondi del PNRR in particolare rappresentano una opportunità unica.

Il PNRR rappresenta la più importante operazione straordinaria di finanziamento infrastrutturale per il sud degli ultimi decenni.

A Gioia del Colle utilizzare queste risorse senza una programmazione che si rispetti, senza il coinvolgimento del Consiglio Comunale, senza il reale coinvolgimento della società civile, significa ipotecare il futuro delle prossime generazioni”.

PRO.DI.GIO.