Consiglio. Ritirati tutti i punti all’Odg. Le tesi di Pro.di.Gio.

consiglio comunale

logo prodigio “Mascherare la propria palese incapacità di programmazione e gestione della macchina amministrativa, scaricando la colpa sulla legittima richiesta dei consiglieri di opposizione di conoscere per tempo gli atti relativi alla discussione in Consiglio, è il punto più basso e fuori da ogni immaginazione che l’amministrazione Mastrangelo potesse raggiungere.

Lunedì mattina, infatti, durante il Consiglio Comunale, il Presidente del consiglio Etna è stato costretto a ritirare tutti i punti all’ordine del giorno per aver completamente disatteso le norme sulle procedure e sulle tempistiche previste per i provvedimenti in esame.

L’opposizione ha usato strade differenti per manifestare la propria posizione. Mentre Donato Colacicco, Consigliere del Movimento Pro.di.Gio, sceglieva di presenziare comunque la seduta per avere la possibilità di esprimere le proprie considerazioni, anche fortemente critiche, su ogni punto e tentare di limitare i danni per la comunità, il resto dei consiglieri di opposizione non si presentava in aula ed affidava ad un comunicato il proprio dissenso per il mancato rispetto delle procedure.

La maggioranza, resasi conto dell’impossibilità di poter procedere all’approvazione del Bilancio Consolidato per evidenti vizi procedurali, ha addirittura cercato di scrollarsi la responsabilità di dosso per la pessima gestione dell’iter amministrativo sin qui condotta, dando lettura ad un comunicato; intervenuto solo alla fine anche il Sindaco, con una arringa.

Le gravi conseguenze di quanto accaduto non riguarderanno l’approvazione dei debiti fuori bilancio quasi tutti già pagati, ma il procrastinarsi delle assunzioni in ruoli chiave come il responsabile dell’ufficio legale e uno dei due responsabili dell’Ufficio Tecnico, a causa della mancata approvazione del bilancio Consolidato. Va sottolineato, inoltre, che nel caso del responsabile legale è stato quantomeno imprudente essersi ridotti all’ultimo momento al prolungamento del coaula consiliarentratto a tempo determinato in essere, a cui si deve aggiungere l’inspiegabile riapertura dei termini del concorso per l’assunzione a tempo indeterminato. Nel caso dell’Ufficio Tecnico si deve ricordare una ulteriore errata procedura, relativamente alla mancata previsione delle risorse necessarie, che ha allungato i tempi di finalizzazione del concorso. 

Le principali conseguenze saranno il perdurare dei “giri di valzer” degli incarichi affidati all’esterno del Comune con conseguente rallentamento della macchina ammnistrativa. Senza contare quanto costi organizzare nuovamente una seduta del Consiglio Comunale, tra tempo da dedicare al lavoro di ufficio e costi della politica, che sempre l’Amministrazione Mastrangelo vorrebbe aumentare (vedasi proposta di ripristino dei gettoni di presenza per le commissioni consiliari, di cui l’ultima amministrazione di centro-destra ha ampiamente beneficiato…).

Infine, si deve sottolineare che anche oggi, oltre che esser presente in consiglio per dibattere punto su punto tutti gli argomenti all'ordine del giorno, per raddrizzare al meglio le attività amministrative, Pro.di.Gio. ha nuovamente sostanziato la sua vocazione propositiva presentando un ordine del giorno per l'attribuzione della cittadinanza alla senatrice Liliana Segre ed un dettagliato progetto per la realizzazione di “Orti urbani” con cui stimolare l’amministrazione nel campo delle attività sociali ed agricole”.

Movimento Pro.di.Gio.
Progetti di Gioia