Giovedì 20 Gennaio 2022
   
Text Size

"Spariti 750milioni di vecchie lire". La disperazione di Ottavio Temperato

tommaso

le ieneOttavio Temperato, 84 anni, di Gioia del Colle, dall’età di 11 anni ha fatto il venditore ambulante. Nell’intervista rilasciata a Luigi Pelazza, per la trasmissione di Mediaset, Le Iene, ha raccontato che tutti i suoi soldi risparmiati in circa 70 anni di lavoro (circa 750 milioni di vecchie lire) e messi in banca dal 1987 al 1995 sono spariti. Che il suo conto corrente bancario risulterebbe sia stato chiuso, nel mese di luglio 2002, con una richiesta di chiusura con firma apocrifa (falsa), cioè non sua. Chi ha firmato realmente? Cosa sia successo esattamente non è dato sapere. Nel servizio, registrato e andato in onda su Italia1 il 30 novembre scorso, i funzionari della banca interessata, mai nominata o inquadrata nel servizio, così come il cassiere a cui il pensionato, a suo dire, sembrerebbe si sia sempre rivolto per tutte le operazioni da lui effettuate, non hanno risposto o dato spiegazioni alle domande poste e alle affermazioni fatte dall’inviato de Le Iene. L’unica cosa certa è che sia in atto, così è stato asserito nel video dal sig. Tommaso Temperato, una bega legale, accesa nel 2016, parrebbe quando il pensionato venne a conoscenza della chiusura del conto, la cui udienza è stata rinviata dal giudice incaricato a marzo 2023.estratto conto

Nel frattempo, in attesa degli ulteriori sviluppi che la Iena Pelazza ha promesso di rendere pubblici a seguito di ulteriori sue indagini, è pervenuta in Redazione una mail, a firma di un avvocato, “in qualità di difensore di una delle parti coinvolte nel servizio televisivo” (quale parte, se l’Istituto bancario o il cassiere non è dato sapere), in cui lo stesso afferma che “sulla vicenda si è già svolto un procedimento penale conclusosi senza accertare alcuna responsabilità ed è in corso un procedimento civile non ancora definito”.

Una mail in cui, nell’informare che “Il predetto servizio è stato ritenuto gravemente lesivo della reputazione del mio assistito che sta già predisponendo azioni legali a tutela della sua immagine”, si invita “ad utilizzare la massima cautela nell'eventuale diffusione della notizia evitando di fare riferimenti a persone che potrebbero essere lese dal servizio in oggetto”.

 

Commenti  

 
#5 Cittadino Honesto!1! 2021-12-10 14:14
500€ di pensione, ma aveva già nel 2002 350mila euro in banca frutto del proprio lavoro? i conti non tornano.

Ad ogni modo la storia è molto strana anche perché annualmente dovrebbe aver ricevuto gli estratti conto e dovrebbe avere le ricevute dei versamenti che ai tempi erano spesso cartacee. E poi hai tutti quei soldi in banca e in 14anni non vai mai a fare verifiche?
 
 
#4 Nicola A. 2021-12-07 12:23
Premetto che sono dispiaciuto. Non me ne voglia il Sig. Ottavio ma vorrei che spiegasse anche come mai non si è mai recato in Banca dal 2002 al 2016 (questo si evince dal racconto) e come mai pur avendo accumulato una cifra rilevante per il suo lavoro (nel filmato lo dice chiaramente) prenda di pensione SOLO poco più di 500€uro. Mi viene da pensare che pur avendo guadagnato tantissimo abbia versato pochi contributi e che pertanto almeno su questo particolare ha poco da lamentarsi. Auspico che possa recuperare il frutto del suo lavoro ma deve fare MEA CULPA sul fatto che non si è confidato nemmeno con un figlio, probabilmente.....tutto ciò non sarebbe successo....
 
 
#3 BANCA 2021-12-06 10:01
Ma perchè non è menzionata la banca interessata alla questione ?
 
 
#2 Che paura 2021-12-04 20:03
Ora la banca minaccia anche…. Mutui a tasso zero a chi giudica speriamo di no….
 
 
#1 Gioiese 2021-12-04 18:08
Non mi stupisco proprio........
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.