Sabato 14 Dicembre 2019
   
Text Size

“La Commissione invalidi deve restare a Gioia. Basta con i tagli”

servizi ospedale PTA gioia del colle

asl ex Inam “Ancora una volta, con chiaro intento politico, prendiamo atto di un ulteriore ridimensionamento dell’offerta sanitaria gioiese.

Dopo aver perso la denominazione ospedaliera da oltre un decennio, l’ex nosocomio Paradiso non ha mai visto una piena riconversione funzionale, lasciato per tutti questi anni alla deriva, in balia di carenze strumentali e di personale, contornato soprattutto nell’ultimo periodo da disservizi e disorganizzazioni di varia natura.

Come se tutto questo non bastasse è notizia di questi giorni del rischio concreto di perdere un altro servizio - l'ennesimo - di fondamentale importanza per il cittadino, perché rivolto a quella categoria di pazienti più deboli e indifesi, quello della Commissione Invalidi Civili (CIC).

Ci preme insistere sul fatto che questa decisione frutto di una cattiva volontà nella risoluzione di problematiche rivolte alla connotazione logistica della sede della CIC, non può tradursi con la perdita della stessa (fra l’altro deliberata coNoicattaro. Asl via Cappuccini frontme sede distrettuale) nel Comune di Gioia del Colle e visto che a breve si porrà in essere il suo trasferimento presso la sede del PTA.

L’Associazione “In MoVimento per Gioia” sarà vicina a tutte le iniziative che si vorranno attuare in sede istituzionale, mirate ad evitare questo ulteriore depotenziamento assistenziale, nonché a denunciare tutte le speculazioni politiche riconducibili a tali argomentazioni, visto il delicato momento che sta vivendo la qualità assistenziale cittadina.

Cogliamo l’occasione per invitare tutte le forze politiche, tutti i cittadini, tutte le associazioni - ma soprattutto il Sindaco e l’Amministrazione Comunale - a far fronte comune su questa problematica, nonché su tutta la questione sanitaria locale per far sì che la nostra città possa finalmente rivestire il ruolo che merita, come capofila di distretto e soprattutto come dignità di trattamento nel rispetto dell'art. 32 della Costituzione”.

In MoVimento per Gioia

Commenti  

 
#6 Angelino 2019-07-19 14:55
Povera Gioia del colle come è caduta in basso. Prima era punto di riferimento per i paesi del circondario...ora è inesistente in tutti i settori. Molti servizi sono stati spostati in paesini limitrofi. Assurdo.....anziché progredire ...regrediamo. Non siamo in grado di far crescere una classe politica forte e rappresentativa ...che ci rappresenti nelle sede opportune.Continuiamo a "scannarci" tra di noi a discapito della città. Amen...R.i.p.
 
 
#5 Paolo 2019-07-19 07:59
Riscontro con molto dispiacere che si tratta di un tema che non interessa, i gioiesi siamo più portati al lamento postumo. Non pungolare per tempo chi potrebbe e/o dovrebbe intervenire per fermare questo trasloco continuo di servizi sanitari verso altri paesi è inconcepibile, fare le proteste di piazza, le manifestazioni di propaganda a cose fatte , non serve a niente, illude la gente ed è quasi una presa in giro. Non rimane che convincersi della mancanza di solidarietà, in queso paese siamo portati ad accorgerci di una mancanza soltanto quando ci capita personalmente, troppo tardi.

La Redazione
Pienamente concordi. Oppure ci si interessa esclusivamente per fini elettoralistici, salvo poi far rientrare il tutto, una volta passata la "bufera", nel dimenticatoio politico generale.
Saluti
 
 
#4 Fabio R. 2019-07-17 08:35
Liuzzi accusa Mastrangelo di non avere ancora inviato la diffida per scongiurare la chiusura! Infatti, tuona Liuzzi contro Mastrangelo:"Contrariamente a marzo, oggi Gioia del Colle ha un Sindaco che ha l’onere di risolvere a monte questo continuo stillicidio ai danni dell’offerta sanitaria gioiese. Anche la diffida, a cui ho dato il mio contributo, ancor oggi non mi risulta sia partita e, comunque, risulterà intempestiva poiché doveva arrivare, a mio parere, prima della comunicazione ufficiale del trasferimento momentaneo della commissione a Sammichele”."
Mastrangelo e Capano, che si occupa anche di sanita', fino a questo momento, dormono sonni profondi! Finita la campagna elettorale, vedo tutti tremendamente inadeguati! Tra chiusure di servizi ospedalieri e continui allagamenti!
Basteranno solo i selfie della maggioranza a salvare questo paese?
 
 
#3 Paolo 2019-07-15 14:37
Il rischio è diventato certezza: la Commissione invalidi civili è stata trasferita a Sammichele, il manifesto affisso all'ingresso dell'ASL di Gioia del Colle parla di trsferimento temporaneo (si dice sempre cosi). Inoltre, lo stabile ASL di via Ludovico Ariosto ha altre deficienze: l'ascensore è guasto da oltre 10 giorni, il reparto di fisioterapia ubicato al terzo piano non va bene sia per il fermo dell'ascensore (pochissimi pazienti possono salire a piedi), sia per carenza di personale (attualmente lavora una sola fisioterapista per i pazienti con problemi cronici (ex art.26). Speriamo che la nuova amministrazione e lo stesso Sindaco prendano con urgenza coscienza del tutto, ricordiamo che parliamo di una località di circa 30.000 abitanti, intervenga seriamente prima che sia troppo tardi, le lacrime di coccodrillo versate fuori tempo, quando è tutto fatto, non servono a niente.
 
 
#2 agatino 2019-07-15 09:04
Ringraziamo il Duca Michelone degli Spigoloni.
 
 
#1 Leonardo 2019-07-14 21:14
E MASTRANGELO TACE!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.