Domenica 22 Settembre 2019
   
Text Size

BILANCIO COMUNALE APPROVATO CON AUMENTO TARI IN VISTA

municipio palazzo san domenico

Umberto Postiglione Il bilancio faticosamente redatto è stato finalmente approvato con delibera commissariale n. 123 del 26 aprile 2019… ma i conti non tornano e al danno si aggiungerebbe anche la beffa dell’aumento Tari ventilato nel parere dei revisori dei conti!

Una realtà che smentisce quella ben più rosea annunciata sulla Gazzetta del Mezzogiorno del 28 aprile scorso dal Commissario Umberto Postiglione, il quale ha affermato che l’amministrazione che si insedierà troverà le risorse utili da investire nelle infrastrutture pubbliche grazie alla situazione del nuovo contratto con la società Municipia, cui è affidato il recupero dei famigerati 10 milioni di euro non versati dai grandi, “noti” evasori, denaro con cui “potranno essere sistemate le strade e si potrà pensare a programmi di miglioramento delle strutture scolastiche e di tutti gli impianti di rete che interessano il territorio comunale”.

Al momento l’unica certezza è quanto ci costerà proprio l’esternalizzazione del servizio tributi alla Municipia, bando “milionario” - ben euro 1.175.842,49 oltre IVA - indetto in agosto ed approvato in fretta e furia in ottobre, per altro per un importo maggiorato del 41% rispetto all’offerta della seconda classificata grazie ad una irrinunciabile offerta tecnica che non è dato ancora conoscere.

La società ha iniziato ad operare solo a febbraio di quest’anno e su una banca dati non ancora aggiornata e performante, almeno stando a quanto dichiarato alternativamente in atti diversi precisamente: dal Commissario con delibera 88 del 28.03.2019 (“RITENUTO pertanto opportuno in questa sede confermare le tariffe TARI approvate nel 2018 con deliberazione C.C. n. 15 del 30 marzo 2018, riservandosi, in sede di salvaguardia degli equilibri, la facoltà di cui al comma 3 del succitato art. 193;” ) e dai revisori nel parere degli stessi al bilancio di previsione 2019-2021, come da verbale n. 24 del 18/04/2019 (“le previsioni di entrata relative alla TARI sono state effettuate applicando la medesima tariffa dell’anno precedente. Considerato che il calcolo per la determinazione della tariffa è stato attuato sulla base di una banca dati non ancora aggiornata, si ritiene opportuno verificare la congruità delle tariffe applicate; “), banca dati che per altro da bando doveva prioritariamente essere aggiornata dalla stessa società.

CREDITI BALLERINImunicipio_balcone

Perché i conti non tornano? Il primo dato che emerge dal bilancio di previsione 2019 è che icrediti tributari non riscossi a fine 2018 sono pari a 9 milioni di euro. Infatti, i residui attivi presunti al termine del 2018 per la “Tipologia 101: Imposte tasse e proventi assimilati” risulta l’importo di Euro 9.627.061,83, da incassare. In base ai dati del rendiconto 2017, a fine 2017 per la “Tipologia 101: Imposte tasse e proventi assimilati” vi erano residui attivi per entrate tributarie per 7.656.629,69.

Quindi nonostante l’impegno della Municipia, ben poco è rientrato nelle casse comunali entro il 2018 ed i crediti non riscossi non sono diminuiti, ma aumentati. Infatti nell’agosto del 2018 i revisori hanno evidenziato la presenza di circa 2.000.000 di tributi non riscossi superiori a 5 anni, quindi a rischio di prescrizione, e tenendo conto che la Municipia spa si è insediata inspiegabilmente con ritardo, ovvero il 6 febbraio del 2019, le probabilità che siano andati in fumo sono elevate.

Risultato ottenuto? Da una parte sono aumentati i crediti tributari, inclusi quelli a rischio prescrizione, dall’altra è diminuita la cassa - a fine 2017 avevamo 10 milioni di fondo cassa, nel bilancio 2019 sono invece 7 i milioni. Sono aumentati i crediti ma non i soldi da usare per i cittadini gioiesi.

Un quesito sorge spontaneo. Chi risponderà dei crediti andati in prescrizione a fine 2018 che presumibilmente bisognerà eliminare dal relativo rendiconto?

A PROPOSITO DI ONERI DI URBANIZZAZIONE…

I conti non tornano, non solo sui tributi, ma anche sugli oneri di urbanizzazione. Nel parere dei revisori dell’agosto 2018 si afferma che il valore degli oneri di urbanizzazione ammonta a 98.000 euro.

Nella transazione stipulata con delibera del Commissario del 5/11/2018 tra il Comune di Gioia del Colle e la società P&P di Posa, il Comune, con riferimento alla pratica edilizia n. 11 2008, ha dichiarato di avere un credito per oneri di 242.904,01 euro. Come mai tale credito è comparso improvvisamente solo in occasione della transazione di importo totale di 650mila euro, di cui 242.000 rappresentati proprio dalla rinuncia agli oneri?

Ed ancora altre contraddizioni emergono in merito alla definizione delle tariffe Tari.

IL MISTERO DELLA BANCA DATI… È AGGIORNATA O NON LO È?

Nella delibera commissariale del 30/03/2019, con cui sono state approvate le tariffe Tari leggiamo che: “Sebbene in data 06/02/2019 sia stata affidata alla società Municipia la gestione del servizio di supporto tributi, dopo due mesi l’attività di conversione delle banche dati non è stata completata e presenta una serie di anomalie” una per tutte “per le utenze non domestiche ci sono diversi contribuNoicattaro. Rifiuti e soldi frontenti che presentano duplicazioni di superficie. Ne consegue, come ribadito dai revisori nel loro parere, che sebbene le tariffe Tari siano confermate, “il loro gettito potrebbe non essere del tutto attendibile”.

Infatti i revisori, nel loro parere, hanno mosso il seguente rilievo al bilancio del Commissario: “Dalla lettura della delibera di conferma delle tariffe TARI si rileva che il metodo di determinazione della tariffa si basa su una banca dati non aggiornata, conseguentemente la quantificazione del gettito potrebbe non essere del tutto attendibile.”

Tradotto: entro il 31 luglio, data ultima per l’assestamento del bilancio, a banche dati aggiornate, potremmo ritrovarci le tariffe Tari aumentate, come anticipato nella stessa delibera commissariale del 30 marzo.

Ma il dato che davvero “non torna” è che misteriosamente la famosa banca dati risultava aggiornata al 05/11/2018, nel momento in cui era stata approvata la variazione di bilancio per finanziare la transazione di 650mila euro a favore della P&P.

Infatti nella delibera commissariale n. 143 del 05/11/2018 si afferma che grazie ad “attività accertativa intrapresa dall’ufficio tributi, che ha evidenziato la previsione di maggiori entrate, sia come lotta all’evasione che come adeguamento della banca dati tributaria e maggiori entrate ordinarie a regime” è possibile per l’annualità 2019 procedere a una variazione in aumento di entrate tributarie per euro 505mila.

Il quesito è d’obbligo: la banca dati è aggiornata solo per la P&P o anche per i comuni contribuenti gioiesi?

Poiché l’accordo transattivo prevedeva il pagamento entro il 31 mabilanciorzo 2019 della somma di 387mila, a tale data le relative entrate, citate nella variazione, sono state riscosse o no?

A PROVA DI CATASTROFI FINANZIARIE…

Sempre leggendo i pareri dei revisori emerge che esistono notevoli debiti fuori bilancio per pagare i quali occorrerà usare l’avanzo di amministrazione, ovvero i risparmi degli anni precedenti che potevano essere destinati, quelli sì, alla riparazione delle martoriate strade gioiesi. Invece si è continuato a foraggiare le funzioni apicali con ulteriori indennità a scavalco, aumenti e progetti nonostante il tassativo veto dei revisori di adottare procedimenti di spesa. E’ proprio il caso di dire che… non ci resta che piangere!

Unica nota positiva è quella che il Comune ha appena rinnovato la polizza assicurativa a copertura dei rischi "incendio edifici comunali, decidendo di estendendola anche agli eventi catastrofici quali i “Terremoti”. Non è dato sapere se sia anche incluso un eventuale terremoto finanziario, comunque la polizza c’è e ci costa all’anno € 8.500,00 più iva.

 

Commenti  

 
#6 Antonio Angellillo 2019-05-25 21:35
È scritto che le tariffe restano invariate. In virtù della diminuzione del costo del contratto dal secondo anno la tassa sulla immondizia scenderà di 190000 euro.
Il costo della tari diminuisce.
 
 
#5 Romualdo 2019-05-25 14:09
Dico solo si vergognino i vecchi e i nuovi politici che andranno a governare.Con che faccia da incompetenti e corrotti guardate i vostri figli la mattina al risveglio.I cittadini hanno bisogno di amministratori onesti dopo aver pagato le tasse non voltagabbana al primo problema fanno accorddi con cani e porci dico solo vergogna.
 
 
#4 gioiese 2019-05-25 13:58
il 26 maggio nessuno meriterebbe un voto considerando che tra i candidati ci sono molti facenti parte delle vecchie amministrazioni.
 
 
#3 Poorlydone 2019-05-25 12:08
Loro sbagliano e noi dobbiamo pagare. Troppo comodo. Pagassero coloro che hanno sbagliato, coloro che avrebbero dovuto amministrare in maniera diligente senza interferenze personali, ma no!, non è possibile, troppo utopico, perché si sa che la politica indipendentemente dal colore e dallo schieramento non è mai diligente e non opera in maniera "pulita". Saranno le solite parole le mie, allora i prossimi amministratori ci dimostrassero il contrario, riportando legalità e bene alla cittadinanza in primus. La solita schifezza!!!
 
 
#2 Rabbrivido 2019-05-25 10:57
Senza far grosse polemiche faccio solo una domanda : ma, puo' essere data AGLI ALTRI la stessa opportunità di non pagare i tributi come è stato fatto PER GLI ALTRI IN PASSATO??? CREDETEMI C'E' DA STAR MALE AL SOLO PENSIERO CHE NON SIANO STATI PAGATI ONERI X 8/10 MILIONI DI EURO E NON VI SIA UN RESPONSABILE AMMINISTRATIVO O POLITICO CHE PAGHI....E' DA RABBRIVIDOOOOOOOO!!!!!
 
 
#1 Marisa 2019-05-25 10:21
Si aumenta la Tari quando al Comune di Gioia è stata approvata la riduzione della ecotassada 20€ a 10€ per la frazione secca???? Davvero si vessano "i fessi" per parare le chiappe ai "soliti noti" che purtroppo noti non sono. Vogliamo i nomi e i cognomi.......
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.