Martedì 26 Maggio 2020
   
Text Size

RINVIATA LA FESTA DELL’INTEGRAZIONE SOCIALE

festa integrazione sociale

festa integrazione socialeCausa avverse condizioni atmosferiche, “La festa dell’integrazione sociale”, prevista per oggi, domenica 5 ottobre, alle 19, e ospitata nel giardino della parrocchia Immacolata, è stata rinviata a domenica 19 ottobre, sempre alla stessa ora.

Un’iniziativa ideata dall’associazione “L’Altra Meta” e dall’Arci Lebowski per promuovere l’inserimento nel tessuto sociale gioiese dei ragazzi e delle ragazze richiedenti asilo, ospitati dalla struttura ricettiva Wa.Ro.Si.

L’intenzione è creare un momento d’incontro tra culture, religioni e tradizioni differenti attraverso musica, danze e sapori. Sarà allestito un ricco, partecipato e multietnico buffet grazie al coinvolgimento di molte realtà associative e politiche della città. A partire da Gioia Soccorso, Associazione Étranger, Centro d’Ascolto, Gioia in bici, Croce Rossa, U.T.E., Centro Studi Erasmo, Primavera Gioia, Proloco, Non solo Danza, Partito Democratico, Solidarietà e Partecipazione e tutte quelle che vorranno aggiungersi.

Inoltre l’invito è stato esteso a tutte le comunità religiose gioiesi. È previsto l’intervento dell’Imam Jamal Ouargua, del parroco della chiesa Immacolata don Marino che ospiterà l’evento e dei rappresentanti religiosi che vorranno affacciarsi.

Il momento conviviale sarà arricchito dalle performance di danzatrici del ventre, del poeta Massimo Ronco, della band No Parents, dall’esibizione del cantante Alessandro Venere e del ballerino Costantino Raimo, seguiti dal Dj set del duo Cow or King (Giuseppe Procino e Gianpaolo Giannico). Una proposta culturale inedita e meticcia per offrire alla cittadinanza un’opportunità unica di riflessione, relazione e non solo.

Sarà promossa una raccolta fondi il cui ricavato servirà a procurare indumenti, biancheria ed intimo ai migranti ospitati temporaneamente in città. Una vera e propria festa dei popoli aperta a tutti.  

Commenti  

 
#31 peppe 2014-10-10 07:27
per cittadino vigile infatti ho specificato "tranne qualche piccola eccezione"
 
 
#30 Cittadinovigile 2014-10-09 14:48
Per peppe: E' vero quanto dici in merito alla situazione creatasi in alcune zone del paese in certe ore della giornata, ma non bisogna fare dell'erba tutta un fascio. Tra loro ci sono ragazzi istruiti, che hanno lasciato la loro terra per cause fortuite e non certo per essere trattati come animali, da bestie senza cuore. Questa festa è solo un momento di aggregazione e conoscenza. Se qualcuno non è d'accordo, organizzasse una manifestazione per mandarli via......
 
 
#29 peppe 2014-10-09 11:55
per cittadino vigile hai pienamente ragione che per ogni cosa che viene fatta ci sono sempre critiche dei gioiesi, ma che la cittadina e ormai invasa da orde di extracomunitari nullafacenti e che cominciano a creare disagi alla popolazione gioiese è un dato di fatto (vedi davanti ai supermercati dove pretendono i soldi e molte persone anziane o donne per paura sono costretti a darglieli, oppure prova a passare da via Gioberti o piazza XX settembre dopo una certa ora) . Quindi non mi sembra il caso di fare festeggiamenti per l'integrazione sociale perchè tranne qualche piccola eccezione non ne vedo, anzi tutto questo sta creando disagio sociale e spero che il governo al più presto inverta la rotta e cominci a ripristinare alcune delle vecchie leggi in modo che chi viene in italia e non si procuri un lavoro oppure delinque, immediatamente deve essere espulso
 
 
#28 Cittadinovigile 2014-10-08 22:09
Possibile che in questa ridente cittadina non si riesca mai a fare qualcosa di utile senza critica distruttiva?...... una volta tanto mettete da parte la vostra giudaggine! :eek:
 
 
#27 angelo 2014-10-08 21:42
Dipendesse da me io questi li rimanderei tutti.... nel proprio paese , altro che feste di Solidarietà!!!!!!
 
 
#26 lucrezia 2014-10-08 10:59
ogni occasione è buona x fare una festa.che poi che feste..tutte scemitudini.tutta roba da popolino.
 
 
#25 Salve 2014-10-07 18:30
dimenticavo che tale giornata non affronterà minimamente il tema dell'immigrazione.
 
 
#24 Salve 2014-10-07 18:27
per Giulio, copio commento di Ocean: "L'associazione ARCI, il centro d'ascolto dal silenzio alla parola e altre associazioni hanno pensato anche agli italiani in passato, collaborando per il dormitorio, facendo una raccolta fondi per i bambini che hanno difficoltà nel nostro paese, fornendo anche la possibilità di uno spettacolo di burattini nello scorso periodo natalizio(sono solo esempi, potrei continuare): quindi informatevi bene.. "
Ti aggiungo anche la donazione di giocattoli e caramelle a bambini di famiglie meno fortunate o andando indietro nel tempo alla raccolta di fondi per le vittime dell'alluvione di Ginosa... ecc. mi fermo qui. tenendo presente che il 17 ottobre si terrà a gioia la giornata per la crisi e la povertà ad opera dell'associazione l'altra meta. Il mio amico Giuseppe non pubblicizza facilmente le iniziative a cui la sua associazione partecipa o a cui prende parte..
 
 
#23 luca 2ooo 2014-10-07 14:11
S.ra Lara qui nessuno pretende piu di altri ma quanto gli altri.Ma le è così difficoltoso comprendere la disperazione dei suoi concittadini che a causa della loro indignazione verso il sistema scaricano la loro rabbia contro chiunque si schieri a favore degli immigrati??Questi immigrati fortunati dell'era 2.0, dove non dovrebbero esistere differenze simili, stressano quotidianamente commercianti e consumatori con una certa insistenza con la richiesta di "spiccioli".E se non si fosse ancora resa conto,quotidianamente "caporali" a bordo di fuoristrada reclutano persone per lavoro nero dei campi.Tutto ciò nuoce alla collettività, a noi genitori,ai nostri e ai vostri figli.Ripeto,festeggiate pure gente gia ben integrata sul nostro territorio,forse piu integrata di voi che ancora non volete aprire gli occhi e ammettere che i veri bisognosi siamo noi italiani.
 
 
#22 caritas 2014-10-07 13:18
parlare senza conoscere non è costruttivo.....
 
 
#21 Giulio 2014-10-07 11:05
perchè la cosiddetta arci e tutte le associazioni a lei vicine non organizzano qualcosa a favore dei gioiesi?
Caro GIUSEPPE PROCINO, PERCHE' NON ORGANIZZI UN EVENTO A FAVORE DEi Gioiesi?
PERCHE' NON COMPRENDI LA DISPERAZIONE DEI TANTI ITALIANI CHE VIVONO AL DI SOTTO DELLA SOGLIA DELLA POVERTA'?
PERCHE' NON COINVOLGI LE ASSOCIAZIONI VICINE AD ARCI CHE FANNO EVENTI E NON FATE EVENTI A FAVORE DEI BISOGNOSI?
 
 
#20 Lara 2014-10-07 11:03
Cari italiani-gioiesi, molte associazioni gioiesi si stanno adoperando per un prgetto di solidarietà. Non esistono gerarchie di solidarietà. La miseria morde,come la fame e la sofferenza. Le guerre tra poveri non fanno che alimentare la miseria umana oltre che economica. La solidarietà deve riguardare e coinvolgere chiunque. Si possono riconoscere problemi e proporre idee. Nessuno deve sentirsi escluso nè in diritto di reclamare più di altri. C'è chi ha le idee e prova con l'azione a cambiare le cose per quanto può e chi non pensa e non agisce. Ma sputa veleno e frustrazioni sugli altri. è una reazione umana,certo. Non per questo legittima. Impossibile da avallare né eticamente né costituzionalmente.
 
 
#19 gioiese indignato 2014-10-07 09:35
x luca 2000: sig. luca il suo commento rappresenta un pugno nello stomaco per chi lo legge, le porgo la mia totale solidarietà, per la dignità con cui lei vive il suo disagio sociale. COMPLIMENTI. EH VENIAMO A CHI VUOL FARE SOLIDARIETà A CASA DEGLI ALTRI!!!!
Signori , noi siamo stati emigranti, ma siamo emigrati per lavorare, ed abbiamo contribuito con i nostri sacrifici a migliorare ogni luogo dove ci siamo recati. Certo non sono stati tutte rose e fiori ma, i nostri avi e gli attuali emigranti hanno portato le loro braccia e la loro dignità altrove nel rispetto delle regole. oggi assistiamo ad una invasione, in alcuni casi barbarica dei ostri territori, in spregio ad ogni regola morale e di legge. Solidarietà certo, è giusta darla, una casa certo è giusto darla, un sussidio è giusto darlo, è tutto giusto.....ma e sottolineo ma prima dobbiamo dare i diritti agli italiani BISOGNOSI E POI POSSIAMO AIUTARE CHIUNQUE ABBIA BISOGNO!!!!!Mha parliamo anche di gioia del colle, qualcuno è mai passato da via gioberti o bar della posta, qualcuno si reca alla fontana della stazione, pardon urinatoio della stazione???qualcuno ha mai sostato innanzi ai supermercati dove l'elemosina non è chiesta ma pretesa!!!!! Si potrebbe continuare a discutere per ore, è giusto dire che NOI OGGI NON POSSIAMO PERMETTERCI DI FARE SOLIDARIETA' MATERIALE NEI CONFRONTI DEGLI ALTRI NON ABBIAMO I MEZZI, NON ABBIAMO LE STRUTTURE. DIMENTICAVO, QUALCUNO è MAI ANDATO NEI NEGOZI CINESI DOVE ALLE NOSTRE DONNE DANNO 350 EURO AL MESE (IN NERO OVVIAMENTE) ED AI NOSTRI MASCHI 400( IN NERO OVVIAMENTE)????? QUESTO è LAVORO? TRATTASI DI SCHIAVITU' MODERNA, PERPETRATA DA COLORO CHE ABBIAMO FATTO ENTRARE IN ITALIA CON CORTESIA ED ADESSO CI TRATTANO DA SCHIAVI. QUALCUNO è ANDATO NELLE NOSTRE CAMPAGNE, NON CI SONO PIU' ITALIANI, E NON PERCHè NON VOGLIANO LAVORARE, MA SOLO PERCHè AI NORDAFRICANI O AI RUMENI DANNO 2,5 EURO OGNI ORA (OVVIAMENTE IN NERO). Ed allora cosa facciamo????Vogliamo parlare ancora di solidarietà, o vogliamo parlare di interessi macroscopici di qualcuno che sulla pelle di questi lucra denaro pubblico ed europeo per poi lagnarsi quando il rumeno ubriaco uccide il pedone con la macchina, quando il marocchino stupra una donna, o quando per le strade qualcuno con il macede ammazza un passante......Con le parole ed i soldi degli altri tutti possiamo fare solidarietà, salviamo prima i nostri padri senza lavoro, diamo un futuro ai ostri figli, e quando non avremo il necessario allora potremo donare anche il superfluo agli altri......sempre che gli ALTRI NEL FRATTEMPO NON CI ABBIANO GIA' CACCIATO DA CASA NOSTRA!!!!!
 
 
#18 pippo l. 2014-10-07 09:10
ma che cosa state scrivendo!!! qui i poveri siamo noi ITALIANI!!! questi .....stanno meglio di noi non pagano IMU non pagano TASI, TARI, IUC, YAC,IVA IRPEF, LUCE, GAS, ACQUA etc.... il tutto contornato da 45 euro al giorno e a dormire in HOTEL!!! mentre ITALIANI non possono mangiare, pagare la luce, gas!!! e VOI fate pure la festa!!!
 
 
#17 luca 2ooo 2014-10-07 08:04
Effettivamente per chi sbarca in Italia e per giunta vi resta è un 13.Al controrio di un italiano che paga o ha pagato fin quando ha potuto le tasse ha diritto a:vitto e alloggio,abitazione popolare,esenzione ticket,asilo e mensa gratuiti,libri di testo gratuiti...e mentre da Lampedusa a Bari a Roma fino a Milano gli italiani sono in rivolta per avere quanto meno le stesse opportunità e gli stessi diritti a Gioia organizziamo feste in loro onore.Non abbiamo già fatto abbastanza?Ah,dopo i festeggiamenti,mi auguro che dimostrino un minimo di riconoscenza nei confronti del nostro paesello.Magari come accade in altre città, ripulendo strade , marciapiedi e parchi...troppa fatica,meglio andarsene in giro con un berretto in mano
 
 
#16 invalido 2014-10-07 07:27
che dire con 270 euro di pensione d'invalidita devo campare la mia famiglia composta da 4 persone di cui una minorenne.
Collocamento mirato....meglio non parlare ci sono 1500 prima di me...assistenza sociale contributo, se ti affacci ti fanno sentie un'elemosinante per quei pochi spiccioli che chiedi come aiuto al pagamento di bollette.
I sindacati,caf,politici locali,inps ecc. nessuna risposta per un'aiutino ad un'eventuale inserimento al lavoro ( anche da precario).
Vivo una situazione disperata ma pare che a nessuno frega piu'di tanto,in primis lo stato italiano , ops dimenticavo c'e' chi ha preso a cuore la mia situazione un'ente caritatevole e molto operativo verso famiglie con disagio economico...si chiama EQUITALIA..sono in attesa di ipoteca sulla mia casa comprata onestamente con lacrime e sangue di anni e anni di lavoro in italia ed all'estero.
Alla caritas nn mi sono affacciato,non perche' non ho le carte in regola per farlo,bensi'essendo in passato rivolto ai poteri eclesiastici della nostra diocesi,ho solo ricevuto pietosismi e falsa solidarieta',senza mai un'aiutino per un'eventuale inserimento anche se momentaneo in qualche azienda a loro collegati...quindi fuori dai ......loro e le loro ass. caritatevoli.
La mia posizione attuale non e' solo inferiore ad un'extra comunitario,ma in questa societa' civile sono un'emarginato...la colpa? solo quella di essermi ammalato. Se qualcuno legge quello che ho scritto e saprebbe darmi un'aiutino verso quale santo rivolgermi a nome dellla mia famiglia ne saro' grato.
ps. sono prossimo nel diventare un fuorilegge ed allora si che qualcuno tremera' sulla sua poltrona :-*
 
 
#15 luca 2ooo 2014-10-06 22:33
Si signor Procino,io sono inorridito.Inorridito da 780€ che percepisco di cassa integrazione,inorridito da 400€ di rata di mutuo,inorridito da 220€ di TASI,inorridito da 160€ di bollette,moglie e figlio a carico e mi fermo qui.Mi celo dietro un nick per la vergogna,nonostante sia conscio che le responsabilità siano delle Istituzioni e dei falsi perbenisti che ad oggi fanno beneficenza di facciata.Quando festeggerete chi ha da mangiare e da dormire e arrotonda dinanzi ai supermercarti, il lavoro puzza,ricordatevi di questo commento e fregiatevene orgogliosi.
 
 
#14 luca nicastri 2014-10-06 21:16
Enzo,qui la questione purtroppo non riguarda la fratellanza ma la disugualianza.Queste istituzioni stanno sfruttando il fenomeno immigrazione denigrando il popolo di appartenenza.Gli africani appena giunti sulle nostre coste non trovano l'America o il nord come i nostri avi, bensì l'Italia,che ad oggi per loro è un Hotel a 5 stelle e non un'opportunità lavorativa o istruttiva.Si molti di loro vengono in Italia per lavorare e studiare...no,non è così poiché non c'è lavoro per gli italiani figuriamoci per gli immigrati.E non dimentichiamo che nel resto d'Europa non ricevono la stessa accoglienza,nel resto d'Europa si riga dritto,si viene identificati e l'iter integrativo è molto piu funzionale di quello italiano.L'importante è che non si parli piu di razzismo.
 
 
#13 gatto nero 2014-10-06 19:47
mammamiaaaa.tutti questi buoni d'animo.andranno tutti in paradiso.ci sonomolte benefattrici a gioia.....sotto a chi tocca,fatevi avanti c'è ne per tutti.buonanotte.
 
 
#12 cuscito enzo 2014-10-06 17:39
Le guerre tra poveri sono sempre l'anticamera di nuovi e violenti razzismi. Abbiamo dimenticato tante cose. Quando noi eravamo migranti (e sono figlio di due migranti al Nord, a Torino, negli anni '50, quando di noi si dicevano le stesse cose che oggi diciamo degli extracomunitari. Ancora oggi mia madre ricorda le umiliazioni, le offese, le discriminazioni subite) al Nord Italia, Nord Europa, America, Australia. Abbiamo dimenticato che il genere umano nasce proprio in Africa (per tanto non siamo europei, italiani o asiatici. Siamo tutti africani). Abbiamo dimenticato che le miserie del Sud del Mondo, Africa compresa, sono frutto di secoli di sfruttamento e colonialismo di noi europei. Abbiamo dimenticato l'origine cristiana, ovvero come Gesù Cristo fosse "di colore", migrante anche Lui, e prima di Lui lo furono Abramo, Mosè, e dopo di Lui Pietro e Paolo. Che lo stesso Gesù, tra le opere che determineranno la salvezza dell'uomo, aggiunge, facendo capire che Lui stesso si identifica con l'immigrato: "ero forestiero e mi avete ospitato".
Le civiltà sono cresciute solo includendo, non respingendo o dividendo tra "noi" e "loro". Attenti a non smarrire quel senso di fraternità universale che ci rende umani, e che solo può impedire odi, guerre e olocausti. Potrebbe, infatti, giungere nuovamente il giorno in cui potrebbe toccare a ciascuno di noi salire su di un barcone e migrare verso altri paesi. Allora forse comprenderemmo quale dramma e trauma è l'abbandonare la propria terra ed i propri cari. Restiamo dunque umani, "cristiani", e non lasciamoci pervadere dal buio dell'odio e della superiorità razziale. Sarebbe come tornare indietro di millenni. Guardiamo agli altri con il cuore e non con la pancia. I nostri veri nemici si annidano infatti dentro di noi. In quell'egoismo che ci rende nemici di tutti e contro tutti.
Enzo Cuscito
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.