Mercoledì 20 Ottobre 2021
   
Text Size

DA BIMBO STORE È SBOCCIATO UN AMORE. LA CONVENIENZA

bimbo-store_Page1

 

bimbo store_Page1

Commenti  

 
#14 Avvocato 2014-07-03 11:52
Concordo sempre con Pluto! Redazione mi meraviglio onestamente di Lei: continua a chiedersi "anche se fosse" e "dove è l'errore": come dice Pluto "Far apparire pubblicità come articoli o articoli come pubblicità non è eticamente corretto" o meglio è questo l'"errore"....perchè non ha inserito Bimbo store nei Banner a lato? Se non ha ricevuto contributo economico è stato fatto per parentela, per simpatia? Lo stesso vale per l'autofficina Fracarr se ricordo bene...gli articoli sono o dovrebbere essere delle notizie (ci sta l'articolo, fatto, sull'apertura ma questa non è una notizia ma un volantino...perchè allora non inserire quello della coop?), le promozioni nei banner....poi ovviamente potete fare quello che vi pare...quella del sottoscritto è solo un'opinione obiettiva. Saluti.

La Redazione
Era scritto da qualche parte che si trattava di articoli? Grazie comunque per consentirci un "minimo" di libertà di scelta.
Buona notte a tutti.
 
 
#13 PLUTo 2014-07-02 18:25
Perchè dovrei farlo da altre parti? e dove? mi scusi ma è concesso esprimere un'opinione e non essere d'accordo con quanto da lei affermato senza invocare al complotto?
Comunque sia è evidente che o non sono (siamo) stati chiari o non ha ben colto quanto espresso. La cosa è abbastanza semplice: Far apparire pubblicità come articoli o articoli come pubblicità non è eticamente corretto (da un punto di vista giornalistico). Se, come è giusto che sia, si vuole fare pubblicità la stessa deve essere esplicita. non c'è nessun complotto è una mera e sostanziale considerazione.

La Redazione
L'etica? Questo termine lo si tira sempre in ballo in simili circostanze. Quale tipo di etica? Esplicita? E quando la stessa è implicità. Se così fosse avremmo dovuto e dovremmo chiedere un contributo economico a tutti quelli che inviano in redazione i loro comunicati di un certo tipo. O forse no? Dove abbiamo sbagliato? Ma facciamo sempre in tempo a cambiare comportamento, così tutti saranno contenti e soddisfatti. E pensandoci bene.... Mah, chissà.
Buona serata a tutti.
 
 
#12 PLUTo 2014-07-02 10:58
xGioiese Arrabbiato: Lo specifica "I cittadini hanno il diritto di ricevere un'informazione corretta, sempre distinta dal messaggio pubblicitario e non lesiva degli interessi dei singoli. I messaggi publicitari devono essere sempre e comunque distinguibili dai testi giornalistici attraverso chiare indicazioni." era questo il punto...

La Redazione
"Lesiva degli interessi dei singoli"? In che senso? Ma non stiamo andando oltre? Rinnoviamo la domanda. Perchè tanto interesse e meeraviglia in merito a queste pubblicazioni? Perchè non si fa altrettanto, ma da altre parti? Cosa si vuole insinuare?
Saluti a tutti
 
 
#11 Avvocato 2014-07-01 17:18
Ok pubblicati...ma avete impiegato un pò di tempo...Per quanto riguarda il sottoscritto nessuna cordata nè contro Voi nè contro l'attività commerciale....però a mio modesto parere: gli articoli su notizie e/o eventi culturali/sociali sono una cosa la pubblicità un'altra e la pubblicità di bimbo store la si poteva mettere nei banner pubblicitari già presenti sul sito, caro ProStoppini...altrimenti dovreste mettere in piccolo inserzione pubblicitaria come in Tv c'è la scritta per far comprendere...anche qui bisogna essere trasparenti ed avvisare che si tratta non di un articolo ma di pubblicità!!!Tutto qui!
 
 
#10 PLUTo 2014-07-01 14:13
Carissimi tutti, il mio commento, molto probabilmente per mero errore, è stato cancellato. Non si può dire di fare giornalismo se poi non si rispettano le regole dello stesso. Il "anche se fosse" è il vero problema. Qui non ce nessuno interesse o meglio ve ne è solo uno: essere oggettivi e non confondere le carte in tavola. Se è vero, come dite, che qui nessuno ci guadagna nulla allora vi ricordo che quando una giornale ha una certa rilevanza in termini di visite, lo stesso assume una rilevanza in termini sociali e quindi dovrebbe aver rispetto dei lettori e della comunità a cui appartiene. Palesare una pubblicità non ha nulla di negativo ma nasconderla dietro un articolo informativo è sbagliato e poco corretto.
 
 
#9 gioiese arrabbiato 2014-07-01 14:12
Credo si stia creando una tempesta in un bicchiere d'acqua.
Giusto per sgombrare il campo da ogni possibile equivoco, mi permetto di riportare di seguito quanto specificato nella "Carta dei doveri del giornalista" (documento del CNOG-FNSI dell'8 luglio 1993)alla voce: INFORMAZIONE E PUBBLICITA'":
"I cittadini hanno il diritto di ricevere un'informazione corretta, sempre distinta dal messaggio pubblicitario e non lesiva degli interessi dei singoli. I messaggi publicitari devono essere sempre e comunque distinguibili dai testi giornalistici attraverso chiare indicazioni. Il giornalista è tenuto all'osservanza dei principi fissati dal Protocollo d'intesa sulla trasparenza dell'informazione e dal Contratto Nazionale di Lavoro giornalistico; deve sempre rendere riconoscibile l'informazione pubblicitaria e deve comunque porreil pubblico in grado di riconoscere il lavoro giornalistico dal messaggio promozionale."
Ovviamente ciò vale per i giornalisti professionisti, ma anche per tutti coloro che fanno "liberamente" informazione.
Ora, che trattasi di un messaggio pubblicitario mi sembra abbastanza evidente. E siccome è altrettanto evidente che non si possa impedire l'uso della pubblicità, specie se in presenza di un sito come questo, che non ha altrefonti di sostentamento, mi chiedo dove sia il problema.
A me che nelle lughe giormate estive non si abbia di meglio da fare.
 
 
#8 ProStoppini 2014-07-01 12:53
Egregi commentatori, vorrei solo darvi la certezza che Donato Stoppini, e gli altri di gioianet non sono dei mancati pubblicitari ma forse dei mancati giornalisti professionisti anche se ne avrebbero titolo a differenza di altri che si pavoneggiano tanto con i loro giornali da 10 pagine con 5 pagine di pubblicita' a cui si aggiunge il nostro euro. Secondo voi il network che gestisce questo dominio e quello di altri comuni deve far beneficenza o devr pur guadagnar qualcosa? Poi vi ripeto Stoppini piuttosto ci rimette e non che ci guadagna come altri che fanno un "miscuglio" fra politica e affari giornalistici. Ci siamo intesi?
 
 
#7 Avvocato 2014-07-01 08:08
Concordo con Pluto!
PS: stavolta lo pubblicate o quelli "scomodi" veramente li censurate? ...o li pubblicate tutti (i toni sono sempre stati cortesi) o nulla....ieri ben 2 commenti riguardo la Vostra nuova attività pubblicitaria non li avete pubblicati....mah!

La Redazione
Siete davvero, in questo caso, dei malpensanti. I commenti sono stati pubblicati e si dà il caso tutti dello stesso tenore. Si direbbe sia in atto una cordata, è da capire se contro di noi (di chi "ci vuole bene") o contro chi stiamo "promuovendo". Come mai? Qual è il vostro interesse in tutto ciò? Diretti concorrenti?
Saluti
 
 
#6 Cittadino attento 2014-06-30 18:58
Dal momento che usufruiamo e utilizziamo questo SERVIZIO a titolo totalmente gratuito, NESSUNO ha il diritto di pretendere che non vengano pubblicate pubblicità o quant'altro a noi possa eventualmente dare fastidio.
Ritengo, che la stessa contestazione o lo stesso appunto, i Sigg. bo, CHIARO E CIRCONCISO e PLUTo, l'abbiano rivolta a Mediaset, alla 7, e a tutte le altre Emittenti televisive e addirittura anche alla RAI alla quale, paghiamo il canone poichè, tutte fanno pubblicità.
Ma, dal momento che nessuno impone di leggere quanto pubblicato su questo blog, chi non gradisce eventuale pubblicità, può evitare di collegarsi.

La Redazione
Il problema è un altro. Abbiamo dato spazio a tutti senza pretendere nulla in cambio. Anche ad altre manifestazioni o eventi che avevano o hanno l'obbligo di documentare eventuali spese per la loro promozione, sia pure sociale. Ma torniamo a ripetere la stessa domanda: "e se anche fosse?". Dobbiamo renderne conto a qualcuno? Non c'è nessun partito o ente o persona "facoltosa" o gruppo commerciale o di informazione che ci finanzi, questo è più che certo. Quindi, dov'è il problema?
Buona giornata a tutti.
 
 
#5 Provocazione 2014-06-30 11:50
E quindi è possibile "promozionare" ogni nuova realta' imprenditoriale di Gioia del Colle?

La Redazione
Però, quanto inteeresse su queste "promozioni". Quasi, quasi si potrebbe iniziare a pensare che ci sia "qualcuno", più di qualcuno, che non voglia, che però non è il semplice lettore.
Saluti
 
 
#4 Avvocato 2014-06-30 11:36
Concordo con Pluto...anche perchè già è stato fatto il servizio sull'apertura...non è che ogni settimana ci deve essere un articolo...pardon...inserzione pubblicitaria...e cmq per par condicio dovreste promuovere TUTTE le nuove aperture allora!
 
 
#3 PLUTo 2014-06-30 08:03
xReedazione: Anche se fosse? voi dovreste fare informazione! Non ci può e non ci deve essere commistione tra pubblicità e informazione! La
 
 
#2 CHIARO E CIRCONCISO 2014-06-30 00:06
promuovere è pubblicizzare hanno lo stesso significato...

La Redazione
Non sempre. Ma anche se fosse?
Saluti
 
 
#1 bo ! 2014-06-29 15:47
Ma é pubblicità ?

La Redazione.
No, è semplice "promozione" di una nuova realtà imprenditoriale di cui Gioia del Colle ha bisogno.
Saluti
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.