Domenica 31 Maggio 2020
   
Text Size

UN NATALE NATO E FINITO SOTTO UNA CATTIVA STELLA-foto

presepe-piazza

natale 2013 piazza e villaggioSarà per sempre associato al Natale 2013, il fallimento del Villaggio di Babbo Natale allestito in piazza Pinto e smantellato con una settimana di anticipo, senza che siano “decollate” sagre e spettacoli, praticamente abbandonato a se stesso e spentosi per inedia, in un surreale, deserto scenario con musica ad alto volume, trenino fermo e stand chiusi, pur se internamente illuminati…

Una “buona idea progettuale” con gestazione da parto prematuro, probabilmente vittima di un boicottaggio deciso a tavolino, con autorizzazioni pervenute oltre ogni ragionevole ritardo, motivo che ne ha deciso a priori il fallimento.

L’iniziativa avviata comunque, orgnatale 2013 piazza e villaggioanizzata con approssimazione in corso d’opera, con defezioni continue all’ordine del giorno, si è ritrovata “sedotta e abbandonata” non solo da Cristina D’Avena ma anche dall’unico politico che l’aveva sponsorizzata, l’assessore Pippo Colapinto.

D’altronde il senso di angoscia era palpabile e aleggiava sin dai primi giorni sul “villaggio” orfano anche del suo principale attore, Babbo Natale, al pari di una nube greve di pioggia. Del concerto inaugurale di Cinzia Eramo il 12 dicembre sapevano in pochi, per lo più invitati dalla cantante, non si è investito in questo evento con nessuna pubblicità né manifesti. Unica serata degna di memoria e baciata dal successo, quella del concerto di Nick the Night Fly offerto dalla Provincia, con un battage pubblicitario adeguato a fronte di un artista molto conosciuto e amato.

Icona dello stesso degrado, il presepe in compensato posizionato sotto “l’albero di luci blu” in una piazza Plebiscito “orfana” di bancarelle che rende a pieno l’atmosfera depressa vissuta in città.

Allestito per riempire di gioia i passanti, con pacchi dono scomparsi alla velocità della luce, è stato emblema di degrado, con teste e arti mozzati, non è dato sapere se per atto vandalico o per “caduta libera”, essendo leggerissime le sagome tanto da necessitare di essere fermate con dei sassi.

Vederne i pezzi a terra, umidi dinatale 2013 piazza e villaggio pioggia e sporchi di polvere, ha riempito di tristezza, quasi quanto l’indifferenza dei passanti davanti a tale scempio, tanto da non veder l’ora che venisse smantellato, gesto di pietà che poteva già essere messo in atto da giorni…

E per finire il piccolo presepe di Aleppo, ambientato in Siria e realizzato dagli alunni di II E dell’I.C. Losapio – S. F. Neri, ospitato nel chiostro ha visto “rubare” la Madonna, San Giuseppe, Gesù Bambino e persino le macchinine - giocattolo utilizzate nell’allestimento, l’ennesima “cattiva azione” perpetrata ai danni di chi si è tanto impegnato, denunciata dal professor Giorgio Gasparre.

Eutanasia di un Natale nato e finito sotto una cattiva stella, come scherzosamente rappresentato nella vignetta pubblicata su “la Fionda” di dicembre?

Scatti fotografici a cura di Mario Di Giuseppe, Mattia Lorusso e Cataldo Liuzzi, che ringraziamo per la collaborazione.

Commenti  

 
#9 P.A.G.S. 2014-01-14 16:14
A quanto pare questo SEMOLO è un altro "contestatores", tipico abitante indigeno!
Ha mai provato ad organizzare un evento storico-culturale al fine di valorizzare la storia e le tradizioni del suo paese?
E poi non mi sembra che ci fossero quattro gatti, anzi cinque con Lei, durante tali sfilate, ma migliaia di persone.
P.S.
Non organizziamo presepi viventi ma presepi statici!
 
 
#8 occhio magico 2014-01-08 17:43
sono d,accordo con semolo.c,è una agenzia a gioia molto seria,n.b.non faccio nomi,però la conoscono tutti.ma i grandi intellettuali,o addetti ai lavori,anche per invidia,fanno tutto loro.i tempi dove stava dentico,non sono cambiati.tira a campà.
 
 
#7 SEMOLO 2014-01-08 17:21
Ringrazio PAGS (è una associazione?)per l'invito al prossimo presepe vivente. Se posso non manchero' , soprattutto per poter poi eventualmente discuterne con cognizione di causa. Per quel che riguarda altre manifestazioni organizzate da altre associazioni il mio giudizio resta immutato .Ho visto cantare e suonare e presentare libri e pittare in nome della Cultura in locali comunali (che vengono presumibilmente dati aggratiss ) davanti a 20 o 30 partecipanti (parenti e amici) che sono sempre gli stessi. Ho visto cortei storici sfilare tra 4 gatti con organizzatori alla testa convinti di aver fatto qualcosa di straordinario. Convinti loro.... Vorrei sapere ,se qualcuno ha il coraggio di pubblicarne i dati , quanto costa alla collettivita' tutta questa Cultura in un anno. Che poi il bello è che per dette serate ci sono testimonianze fotografiche proprio su questo sito. Gira e rigira sempre 4 gatti e magari anche sempre le stesse facce. Fare Cultura è ben altro che riunirsi sempre tra Chicc Checc e Mariafrangesc , magari aggratiss
 
 
#6 P.A.G.S. 2014-01-08 08:27
Egr.Semolo,
prima di aprire bocca si assicuri di non sparare c.....te come molti suoi simili abitudinari, poiche' l'organizzazione di Volontariato dallo scrivente presieduta, come ogni anno ha valorizzato una piccola oarte del centro storico con il presepe divenuto oramai un appuntamento di tanti concittadini ai quali rivolgiamo il nostro ringraziamento; tutto questo senza essere schiavi di alcun politico bensi' del senso di abnegazione che accomuna i nostri aderenti; per di piu' manifestazione pubblicizzata con spot radiofonici per valorizzare maggiormente un centro storico oramai abbandonato, il tutto senza il minimo contributo pubblico ma solo una piccola partecipazione di una realta' commerciale della centro storico. Il prossimo Natale aspettiamo anche te!
 
 
#5 Coyote 2014-01-07 23:11
Se l'unica serata ben riuscita è stata quella organizzata dalla Provincia, il motivo del boicottaggio E' PRESTO SPIEGATO.
(Certe faziosità sono dure a morire, però loro continuano a chiamarsi DEMOCRATICI!)
 
 
#4 che... 2014-01-07 22:38
tristezza!!
 
 
#3 Pietro 2014-01-07 21:12
Eppure questa cittadina è sempre ammirata dai miei colleghi stranieri: come la mettiamo? Ed io dico loro che, in quanto a tafazzismo, non siamo secondi a nessuno!
 
 
#2 SEMOLO 2014-01-07 17:45
Che schifo di paese....... E la cittadina , sempre piu' "ina " per numeri e valori intanto è in agonia. I suoi abitanti collusi ed egoisti . Ridicoli i suoi giovani divisi tra i disimpegnati totali tutti presi da smartfhone , apparire , sopraffare i fessi e quelli "impegnati" nelle associazioni (caterve) messe su per fare affari con la politica e in quanto tali schiave dei finanziatori di turno.
Di questo passo hai voglia a commissionare strabilianti figure architettoniche per abbellire l'ingresso dell'ex CIAPI ( come dite? E'per il teatro?..boh..) a commissionare fontane strabilianti a Montjuic placa Kennedy e pisuli a centinaia. Non trascurando gli affari in zona seven ( non 167 ,solo 7) e tutte le attivita' potenzialmente remunerative in un prossimo futuro magari intestate a societa' di figli e figliastri
 
 
#1 Cittadino Onesto 2014-01-07 11:57
Dino e Aurelio De Laurentiis Presentano: NATALE IN IRAQ!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.