Mercoledì 05 Agosto 2020
   
Text Size

GRAN FINALE “NOTE D’AUTORE” TRA NOTE “DOLENTI”-foto

note-dautore-finali1-pp

note dautore finali4Tra le “Note d’autore” portate in scena al Rossini, anche alcune “note dolenti”. Prima fra tutte il costo del teatro stabilito dall’Amministrazione che - da regolamento auto imposto - non ha potuto concedere l’utilizzo gratuito dello stesso.

Un esborso che ha messo in crisi le risorse già esigue dell’istituto, costringendo a un tour de force docenti, alunni e famiglie.

In centinaia erano in attesa in piazza Rossini ed altrettanti dalle 16 alle 22 del 7 giugno hanno presidiato il teatro, affinché tutti potessero portare in scena quanto preparato in mesi e mesi di prove. Perché l’evento fosse possibile è stato necessario il ricorso agli amici sponsor, mai numerosi come in questa annualità e ad un proficuo e accattivante “far da se”, dalla locandina progettata graficamente dalla professoressa Claudia Perrone, alla brochure teatrale curata dalla docente Lucia Marroccoli.

note dautore finali3Al di là delle scontate criticità, ovvero lunghe attese in piedi e vigilanza, sicurezza e pazienza messe a dura prova, lo spettacolo si è rivelato di altissima qualità non solo nella fase iniziale, quando si era tutti più “freschi”, ma soprattutto nella terza e quarta sessione (slittate di oltre un’ora sul tabellino di marcia), sia per l’esperienza già maturata nelle precedenti annualità dagli alunni di terza e quarta, che per l’investimento laboratoriale nell’educazione all’ascolto ancor prima che nelle abilità musicali e recitative.

L’interpretazione originale e l’innata bravura dei piccini di II F (docente Lucia Marroccoli), III C (Margherita Milano) impegnati ne “Il flauto magico” di Mozart e l’Omaggio a Verdi davvero degno di una prima teatrale, offerto dagli alunni di IV A (Carmela Matrovito), IV C (Lella Longo) e IV E (Angela Verrelli), guidati “accordo per accordo e nota su nota” dall’instancabile Antonella Gisotti, hanno destato stupore e entusiasmo.

Dopo l’introduzione delle docenti Lucia Marroccoli e Margherita note dautore finali2Milano, la danza di damine da carillon e il canto dei bravissimi Pamino e Papageno hanno trascinato tutti nella magia del ‘700 evocata da voci e note flautate.

L’omaggio a Verdi, introdotto da Pina Merenda e narrato dagli studenti è stato a dir poco trionfale, con squilli di vere trombe (e veri trombettieri in costume d’epoca) dal secondo ordine del teatro. Costumi, acconciature e coreografie molto accurati hanno reso la marcia trionfale dell’Aida, il “Va pensiero” del Nabucco, “La donna è mobile” del Rigoletto e “Il coro delle zingarelle” della Traviata, assolutamente indimenticabili.

La presenza scenica degli scolari, abili ballerini ed attori oltre che coristi, la disinvoltura nel gestire lo spazio e la spontaneità nelle movenze (quasi fossero “nati” sul palco) ha strappato sorrisi, consensi e tantissimi applausi.

note dautore finali5Profondo stupore anche tra i familiari nel vedere bimbi di nove anni danzare il valzer dopo un perfetto inchino con baciamano, mentre simpaticissimi, scalpitanti “torelli” imperversano in orde selvagge scompaginando la folla, per poi ritrovare gli stessi nelle vesti di compassati narratori, affabulanti e coinvolgenti. Intonati e molto espressivi i cantori del coro della Polifonica diretto da Antonella Gisotti, un vero tocco di classe i passaggi di opere liriche in “playback” interpretate da giovani tenori e soprano con molto realismo e partecipazione. Davvero tutti bravissimi ed anche preparatissimi sugli argomenti trattati, a conferma che recitare e cantare “è” didattica applicata alle arti (VIAGGIO NELLA PREISTORIA CON ALUNNI SF NERI-foto/video).

Infine sulle note di “Libiamo ne’ lieti calici” un gioioso “arrivederci” tra gli applausi scroscianti dei presenti, ancora numerosi nonostante la tarda ora.

Un doveroso ringraziamento a Mario Di Giuseppe per il consueto e prezioso contributo fotografico.

Commenti  

 
#2 Dai Bizantini 2013-07-04 13:41
Abbiamo aderito con un piccolo contributo all'evento organizzato dalle insegnanti che le ringraziamo dello sforzo che hanno fatto per portare a termine questa bellissima iniziativa. Siamo onorati di aver contribuito in parte al successo e ringraziamo gli ospiti che ci hanno preferito nel dopo evento.

La Redazione
Cosa vuol essere? Un complimento o una promozione gratuita?
Buon appetito, a tutti.
 
 
#1 Isabella Gisotti 2013-06-30 21:09
É stato veramente qualcosa di grandioso, fantastico ed indimenticabile.
Mio fratello, che ha fatto parte della recita, si è impegnato negli ultimi mesi davvero tantissimo e il risultato, nell'insieme, tra scenogafie, costumi, voci e ballerini spettacolari, si é rivelato veramente degno di occupare il palcoscenico.
Secondo me si dovrebbero sempre organizzare queste iniziative, anche nelle scuole medie, che risultano molto spesso veramente "dimenticate" rispetto alle elementari.
In qualsiasi caso, è veramente terribile il fatto che la scuola non abbia piú nemmeno un soldo...speriamo che, la prossima volta, almeno il teatro comunale apra i battenti alla scuola senza chieder in cambio soldi.

La Redazione
Infatti, chiedere soldi alle scuole di qualsiasi ordine e grado per rappresentare i loro lavori, frutto di un lungo e faticoso impegno didattico, è davvero umiliante e degradante. A maggior ragione quando si constata che le amministrazioni non intervengono per far fronte direttamente a queste richieste provenienti dai gestori della struttura comunale che, nella fattispecie, non hanno alcuna colpa, se non quella di aver applicato quanto contenuto nell'accordo sottoscritto con l'Ente comunale.
Saluti
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.