Martedì 26 Maggio 2020
   
Text Size

ORIGINALE SAGGIO CON GLI ALLIEVI DI MIRELLA RESTA-foto

saggio-mirella-resta-pp

saggio mirella resta2La lotta atavica tra il bene e il male, la verità che si cela dietro le apparenze, la calma fittizia di un lago, sede di una maledizione che imprigiona l’anima di belle fanciulle dentro i corpi di candidi cigni. La storia de “Il lago dei cigni” – portato in scena al teatro Santa Lucia il 20 e il 21 giugno dalla scuola di danza “Il Laboratorio del Movimento”, di cui è direttrice artistica Mirella Resta – è ben nota: la bella Odette, con la sua purezza e la sua malinconia, conquista il cuore del principe Siegfried, ma l’incantesimo di cui è vittima non permette ai due amanti di coronare il loro sogno d’amore.

Trasformata in cigno dal perfido mago Rothbart (impersonato da Donato Cetola, ex allievo del “Laboratorio del Movimento” e attualmente allievo del MAS di Milano), Odette riassume sembianze umane al calar del sole. Solo il giuramento d’amore di un giovane che non abbia mai promesso il suo cuore a nessun’altra fanciulla potrà porre fine al sortilegio.

Sulle coreografie di Mirella Resta, Terry Yoko, Marika Tramacere (con Annalisa Resta e Tania Losacco insaggio mirella resta5 “Tre anime in un solo corpo”) e Osa – impreziosite dalla voce narrante di Carmela Colaninno – grandi e piccoli allievi danzano l’opera più famosa nella storia del balletto.

Sulle note coinvolgenti del compositore russo Tchaikovsky, popolane, giullarini, piccoli cigni e principini intervengono, insieme agli allievi più maturi, a narrare la lotta eterna tra bianco e nero, fino al compiersi del dramma: Odile, il cigno nero, assunte le sembianze di Odette per volere del mago Rothbart, seduce il principe Siegfried, che cade nell’inganno di dichiarare amore alla ragazza sbagliata. Il male semsaggio mirella resta3brerà trionfare sul vero amore.

Una combinazione vincente di danza classica, danza moderna e hip hop è servita a narrare che “il bene e il male altro non sono se non un riflesso allo specchio l’uno dell’altro. Il loro esistere serve a tenere in equilibrio il mondo. Spesso il bianco e il nero lottano tra di loro e chi vincerà di volta in volta lo deciderà il destino”.

video: https://www.facebook.com/photo.php?v=504876399566503&;set=vb.100001324436068&type=2&theater

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.