Mercoledì 27 Maggio 2020
   
Text Size

YVAN SAGNET DENUNCIA: “IN PUGLIA RIDUZIONE IN SCHIAVITÚ”

Yvan-Sagnet-tavolo-pp

Yvan Sagnet attolicoQuando partii per l’Italia immaginavo che la mia nuova vita sarebbe stata pulita e semplice come le nuvole che vedevo sotto l’aereo. Ma ero molto lontano dalla verità”.

Queste le parole di Yvan Sagnet, autore del libro ‘Ama il tuo sogno – Vita e rivolta nella terra dell’oro rosso’ (edito Fandango Libri), e ospite del liceo classico ‘Virgilio’, nel pomeriggio di lunedì 3 giugno.

Un interessante incontro avutosi alla presenza del preside Rocco Fazio; del segretario regionale della FLAI CGIL Giuseppe De Leonardis; della dott.ssa Brescia facente parte dell’assessorato al lavoro regionale; del sindaco, Sergio Povia; e del professor Attolico che ha moderato l’incontro stesso: “Un libro scelto come testo per la sezione narrativa, perché, è un libro che ci consente di fare un confronto tra il mondo occidentale e un mondo che conosciamo molto poco […]”. E il professore aggiunge: “Questa è la scuola che noi vorremmo: una scuola che si apra ai fenomeni del nostro territorio, ma non solo […]”.

In effetti la prima parte del libro, come il professor Attolico sottolinea, ci offre uno spaccato dell’Africa: “[…] Io vorrei che Yvan ci descrivesse il senso profondo della nostalgia della sua terra, quando è arrivato in Italia”. Si parte così dal titolo del libro e dalla volontà precisa di arricchire quel titolo, passando dal sogno ai diritti. Si parte dal racconto di Yvan il cui incipit è dato dal suo amore incondizionato per l’Italia. Un amore totalizzante che parte dal calcio italiano ed arriva alla nostra storia dell’arte.

Parla al numeroso uditorio della sua scelta di trasferirsi in Italia dopo il conseguimento del diploma. Dell’università e della città di Torino, di come velocemente si sia reso conto della differenza tra il sogno Yvan Sagnet esponee la realtà. Ricorda il cibo, il clima, e le abitudini differenti … il doversi confrontare con una cultura diversa. Della mancata borsa di studio, che è all’origine della sua scelta di raggiungere la Puglia.

Una scelta che fa sì che il giovane studente camerunense nell’estate di due anni fa si scontri con una realtà degradante e denigrante. Una realtà priva di dignità – come lo stesso autore sostiene – costituita dai diritti negati. Yvan Sagnet conosce il mondo duro e cinico dei caporali nelle campagne di Nardò, e decide di organizzare il primo sciopero di braccianti agricoli. Fondamentale è l’aiuto della CGIL “[…] Lì ho scoperto la mancanza di dignità … la vera e propria riduzione alla schiavitù”.

Spiega come organizzare uno sciopero non sia stato semplice, “perché trattasi di organizzare uno sciopero fra persone culturalmente diverse: non si può paragonare un senegalese con un nigeriano […]”. Yvan Sagnet pubblicoUn fenomeno, il caporalato, che non è solo pugliese, ma nazionale. Un fenomeno che non è solo agricolo, ma che si sta espandendo anche nel settore dell’edilizia. Un fenomeno la cui causa principe è da ricercarsi nell’assenza dello Stato.

Per combattere questo fenomeno bisogna partire dal basso. Se i lavoratori non prendono coscienza, sarà difficile combattere il fenomeno. Noi con il nostro sciopero abbiamo bloccato la produzione del pomodoro nel Salento per tre settimane […]”.

Ed è con queste parole il giovane camerunense, Yvan Sagnet, conclude il suo intervento. Un intervento che offre una lucida analisi su una situazione tremenda che dovrebbe far inorridire le nostre coscienze, perché nega quelli che sono i più basilari tra i diritti umani.

Scatti di Cataldo Liuzzi cui va il più sincero "grazie" da parte della Redazione e della giornalista.

Commenti  

 
#1 Jupiter 2013-06-10 16:44
Bravo Yvan, fai bene a scrivere queste cose, peccato che come sempre la "Puglia" faccia la figura del paese "incivile", visto che in tutto il resto della Penisola il CAPORALATO LEGALIZZATO viene chiamato LAVORO INTERINALE, con il consenso delle organizzazioni SINDACALI!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.