Venerdì 22 Novembre 2019
   
Text Size

“CULTOUR” VISITA MUSEO DELLA CIVILTÁ CONTADINA-foto

museo-visitatori-pp

museo visitatori2In occasione della settimana della Cultura 2013, organizzata dall’assessorato competente in collaborazione con la Biblioteca comunale e l’Associazione culturale onlus, “La Meridiana”, il 28 aprile il Museo della Civiltà contadina ed industriale del dottor Vito Santoiemma ha accolto in visita guidata i gioiesi.

Di seguito la testimonianza della professoressa Rosalba Buttiglione.

Siamo stati ricevuti da due componenti dell’Associazione Culturale LA MERIDIANA, la dottoressa Daniela Paradiso, presidente, e il professore Domenico Paradiso e dall’ideatore - proprietario dell’intera struttura, suppellettili comprese, il dottor Vito Santoiemma.

Il gruppo non era numeroso, ma moltmuseo oggetti antichio interessato! Qualcuno di noi, stranamente, non conosceva ancora l’esistenza di questa  raccolta e quindi è stato particolarmente impressionato dalla vastità e ricchezza della stessa.

Il dottor Vito Santoiemma con grande competenza e gentilezza ci ha fatto strada fra i suoi “gioielli”. In realtà, su nostra richiesta, ha cominciato col narrarci la storia dell’interesse familiare per l’artigianato.

Il padre Peppino e gli zii Alessandro e Giovanni, sulla scia del loro padre bottaio, hanno incominciato, sin da giovanissimi, a coltivare attività artigianali che hanno trasmesso in lui l’interesse per la conservazione del patrimonio culturale legato a questo mondo lavorativo.

La prima cosa che colpisce, entrando nei grandi locali di famiglia, è la numerosità e varietà dei pezzi collezionati.

Insieme a “normali” brocche, forconi, zappe, mortai… di varie fatture e dimensioni, è la singolare rarità di alcuni pezzi che incanta! Impossibile citarli tutti! Restano nello sguardo e nella mente… si potrebbe sognare che di notte si mettano in movimento e museo scolarescatornino a vivere come in un film d’animazione! Proverò a citarne alcuni tra i più facili da ricordare, ad esempio i piccoli trapani per riparare i piatti di creta, i punti metallici, i post, che venivano usati da questi specialisti! Accanto a questi oggetti… quanti ricordi! La casa della nonna, artigiani che arrivavano con la bicicletta, unico veicolo alla loro portata! La richiesta, le trattative per il prezzo… e poi il lavoro sotto la capanna! E la nonna con un bicchiere di vino... un pezzo di pane... un po’ di formaggio per offrire un po’ di ristoro! Il sole abbacinante sull’aia!

Dopo di noi è arrivata una scolaresca, terza elementare! Loro non hanno e non avranno mai questi ricordi! Mi sono chiesta cosa pensassero di tutti quegli attrezzi, nella loro testolina!

Suggerirei a tutti di visitare questa raccolta interessantissima in cui ci sono i “megafoni” dei banditori di notizie o di vendite straordinarie, attrezzi che vanno dal III secolo a. C. per la lavorazione del grano, sino al secolo scorso; un congegno a pale per produrre energia, antenato delle pale eoliche; forbici per tosare le pecore; formine per i dolci; torni per il legno; lavori artistici in ferro battuto; attrezzature per cererie; l’antenata di un’incubatrice! Ma tra i pezzi più singolari, unici, un antichissimo mulino a macina museo mulino in pietrain pietra, poggiato, incastrato in un tronco mastodontico.. tutto tarlato da voracissimi tarli! E poi una montagna di forme per scarpe personalizzate, con gli adattamenti ai bisogni - problemi dei vari clienti! Piccole forme per scarpette di bambini… Proprio sotto le innumerevoli forme per scarpe, gli attrezzi per calzolaio, in un accostamento forse casuale, ma per me significativo, evocativo. Uno dei pochi oggetti del museo che porta la targhetta della sua provenienza: “Maestro Saverio Tancorre, Corso Vittorio Emanuele, 100”. Trattasi di un mest di biciclette e motorini! Un tipo di artigiano ormai scomparso, ma molto importante nel secolo scorso, quando la bicicletta ed i primi motorini erano gli unici mezzi di locomozione. E... fortunato chi poteva permetterseli! L’oggetto donato dai figli del maestro al museo è una graziosissima biciclettina per bambini, ancora in buona stato, con annesso un carrozzino! Una vera e propria sidecar! Facile museo bicicletta depocaimmaginare la gioia dei bimbi destinatari di tale oggetto! Non si sa se il maestro l’abbia costruita per i propri figli, o meglio, per ragioni economiche, per i figli di qualche ricco committente!Tutti oggetti che ricordano la vita di persone che fanno parte ormai della nostra storia! Tutti oggetti che suscitano tanta tenerezza! Nel gruppo anche Leonardo Resta, agricoltore, ma di quelli che s’interessano anche di altro, innamorato della pietra che lavora ed usa in varie forme artistiche! Nella sua masseria anche la cuccia del cane è di pietra! Oggi, interessato come noi alla visita, alla fine ha rivestito il ruolo del maestro cestaio ed ha iniziato ad intrecciare un cestino per innamorarci alla sua arte! Era già un po’ tardi e lui si affrettava, perché voleva che assistessimo al suo lavoro! Per fortuna ci sono ancora persone così! Come lui e come il dottor Santoiemma a cui dovrebbe andare il plauso dei concittadini e delle autorità costituite, ed il loro impegno affinché questa bella, unica opportunità cittadina sia valorizzata al massimo”.

Si ringrazia per il ricco contributo fotografico Vanna Magistro.

Commenti  

 
#3 ??? 2013-05-02 14:04
Essendo un'iniziativa patrocinata dal comune....l'amministrazione di Gioia si è premurata di fornire guide autorizzate e provviste di patentino come previsto da nuovo regolamento regionale??
 
 
#2 Un Gioiese 2013-04-30 21:51
Una mostra così dovrebbe essere allestita quantomeno alla ex distilleria Cassano a cura del COMUNE di Gioia, i locali che vedo in fotografia sembrano inadatti perchè troppo attuali, sembra di stare alla ASL. Comunque è lodevole l'iniziativa dei propietari. BRAVI
 
 
#1 fotografo amatoriale 2013-04-30 09:12
brava Vanna belle foto. un consiglio: dedicati alle foto e lascia stare la politica.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.