Domenica 17 Ottobre 2021
   
Text Size

“La storia di Taborre e Maddalena” con Enrico Messina e Mirko Lodedo

Enrico-Messina-e-Mirko-Lodedo-15-luglio

210979722-4255984824477556-4872119136129324871-n “L’associazione culturale Sic!ProgettAzioni Culturali, con il supporto del piano straordinario Custodiamo la Cultura in Puglia 2021, nell’ambito del cartellone di eventi estivi promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Gioia del Colle, presenta la rassegna teatrale “LA PRIMA RADICE, il gusto del racconto”.

LA PRIMA RADICE il gusto del racconto è un percorso di valorizzazione territoriale in quattro tappe alla scoperta degli angoli nascosti del nostro territorio, dei suoi prodotti tipici, delle sue tradizioni, del suo paesaggio, affidata alla voce e al corpo di alcuni tra gli artisti più importanti della scena teatrale pugliese che, per l’occasione, si esibiranno volutamente in spazi non convenzionalmente dedicati al pubblico spettacolo (aziende agricole, edifici storici...) nel territorio di Gioia del Colle.La-storia-di-Taborre-e-Maddalena

Un viaggio alla riscoperta delle radici materiali e immateriali della nostra comunità, dell’ascolto dell’anima dei luoghi a noi vicini, della bellezza dell’incontro e della convivialità, al di fuori di una virtualità sempre più imperante a cui la pandemia ci ha costretti per troppo tempo. Una pausa di riflessione, emozione e gusto che nasce dall'esigenza di fare incontrare l’autenticità dei luoghi, la genuinità dei prodotti della nostra terra e la creatività degli artisti.

Si parte giovedì 15 luglio presso Masseria “De Palma”, un'azienda agricola con oltre trent'anni di attività alle spalle, che ha fatto della genuinità della cucina tipica gioiese, del calore dei suoi gestori, della quiete del paesaggio circostante il suo marchio di fabbrica.

In scena Enrico Messina e Mirko Lodedo, un attore e un musicista che, ritrovatisi intorno ad una tavola imbandita con cibi semplici, raccontano “La storia di Taborre e Maddalena”, due giovani innamorati, il figlio di un conte e la figlia della sua sguattera, che la sorte ha destinato a vite diverse. Fuggono per vivere il loro impossibile amore e trovano rifugio in una radura del Gargano, presso la casa che un vecchio pastore ha costruito intorno a un grande albero di pere”.

Sic!ProgettAzioni Culturali

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.