Mercoledì 27 Ottobre 2021
   
Text Size

Proposto di intitolare una via cittadina a Pietro Mongelli

Pietro-Mongelli

PREMIAZIONE-VI-GIORNATA-NAZIONALE-ARTIGIANATO-FRENZE-28-APRILE-1974Mio padre si chiamava Pietro e di mestiere faceva il calderaio come suo padre e i suoi fratelli. È stato tante cose, è stato un uomo che ha dato tanto; per me è stato innanzitutto un padre, un marito, una persona per bene, un uomo che faceva il suo dovere e che non ebbe bisogno di tante parole per educarmi: bastava l’esempio.

I consiglieri Milena Pavone, Donato Paradiso e Rosario Milano hanno proposto al Presidente della Commissione per la Toponomastica di intitolare a lui una via cittadina e a loro non può che andare il mio più vivo ringraziamento. Mio padre aveva la licenza elementare, era un artigiano che attraverso il servizio militare, la passione politica, l’impegno sociale ha onorato l’Italia e reso lustro a Gioia del Colle. Non sono le mie parole quelle di un figlio il cui desiderio è di non far entrare nell’oblio un uomo che ha agito semprPAPA-Consiglio-comunale-FINE-ANNI-70-copiae nell’interesse della crescita umana e materiale dell’altro e che il tempo fa dimenticare, sono le parole di chi vuole che i suoi ricordi personali diventino memoria di un fare, di azioni che possano essere esempio per tutti. 

Mio padre è stato compagno d’armi di Pietro Ingrao e con lui ha gioito per la fine del fascismo, una gioia che seppur adombrata dal timore per i nuovi tempi che stavano vivendo, era vissuta nella sua pienezza. Era la lotta per un ideale, era un impegno che gli valse la croce di guerra.

Furono tanti i titoli di cui avrebbe potuto fregiarsi: Cavaliere al merito della repubblica concesso dal PRIUNIONE-CONSIGLIO-PROVINCIALE-ACAI-ANNI-60residente Gronchi e Ufficiale al merito della Repubblica concesso dal Presidente Leone, ma scelse di non ostentarli perché la via giusta per lui era lontana dalla brama degli onori. Mio padre è stato il presidente fondatore dell’ACAI (Associazione Cristiana Artigiani Italiani) dal 1956 al 1979 (per il suo impegno fu premiato a Firenze, Palazzo Vecchio, durante la VI giornata nazionale dell’Artigianato); è stato due volte amministratore comunale e assessore nelle amministrazioni, Antonicelli e Donvito; è stato vicepresidente della Cassa Mutua Artigiani e delegato della Democrazia Cristiana al congresso nazionale del 1961, quando Moro aprì ai Socialisti.

Tantissimi ruoli, tantissimi impegni che svolgeva tutti con spiccato spirito di volontariato, lo faceva per acquisire conoscenze, per imparare, così da poter fornire assistenza ai tanti artigiani che grazie al suo impegno, hanno visto crescere le loro attività. Io sono orgoglioso e fiero di chi e cosa è stato mio padre, del suo rispetto per le istituzioni, della sua dedizione all’altro e spero che l’Amministrazione Comunale possa ricordarlo nel modo più alto e degno, soprattutto perché la memoria di lui diventi struttura delle azioni di quanti vogliano impegnarsi nella vita pubblica, istituzionale, ma più in generale nella cura dell’altro.

Andrea Luigi Mongelli

ASSEMBLEA-CITTADINA-ACAI-FINE-ANNI-60

DIPLOMA-D-ONORE-2

Commenti  

 
#19 Docente 2021-07-20 08:33
Chi sei dx non hai coraggio di dichiarati parli male di tutti chi sei? Che fai?
 
 
#18 Docente 2021-07-16 11:25
Sono veramente disgustatate dalle critiche dei gioiesi a due anni dalla morte, non si vergognano, purtroppo per capire le persone bisogna essere allo stesso livello studiate ignoranti, invece di essere orgogliosi, ma lo fanno con chiunque è sopra di loro........
 
 
#17 Docente 2021-07-16 10:44
Ignoranti,, studiate invece di parlare, a due anni dalla morte con chi non vi può rispondere, vergogna!!!
 
 
#16 MARAUDER 2021-07-16 07:37
Caro DX, lei paragona la (effimera) avventura coloniale italiana con quelle di Francia e Inghilterra.
L'anacronismo sta nel fatto che questa "impresa" fu ideata e condotta proprio mentre nascevano i movimenti indipendentisti che avrebbero messo in crisi regimi coloniali ben più consolidati.
A dimostrazione che il fascismo guardava "indietro" nella Storia...

Quanto poi alla bella favola degli Italiani portatori di civiltà è, appunto, una favola.
È recentemente scomparso lo storico Del Boca; si procuri qualche sua opera e la legga.

E, infine, il fatto che nel 2021 si debba stare ancora a spiegare queste cose, dimostra la attualità e la necessità dell'antifascismo.
 
 
#15 Pinko 2021-07-16 06:07
Ma con tanti personaggi di Gioia che non a che fare con raccomandazioni politiche perché non viene intitolata una strada? Siamo sempre alle solite
 
 
#14 Dx 2021-07-15 21:21
Marauder sii piu' chiaro, quale sarebbe per te la parentesi anacronistica, quella del fascismo? Mussolini voleva creare l'impero non meno di quanto avessero gia' fatto le "libertarie" Francia ed Inghilterra. Ma con la non trascurabile differenza che Mussolini intendeva civilizzare le proprie colonie portando
l'istruzione e la l'abolizione della schiavitu' (niente male per un rozzo dittatore fascista, no ?). E se il fascismo e' stata una parentesi anacronistica ai suoi tempi, spiegami:cos'e' nel 2021 l'antifascismo??
 
 
#13 DX 2021-07-15 14:21
Alfabeta non ho detto che essere antifascista non sia stata una cosa buona per il Sig. Mongelli, e che non sia sufficiente a meritare l'intitolazione di una strada cittadina. Dico solo che se non fosse stato anzitutto un partigiano, non avrebbe ricevuto tanta considerazione pur avendo fatto tante altre cose buone, questo è poco ma sicuro.
Per quanto riguarda il significato specifico di "analfabetismo funzionale"...NON ME NE PUO' FREGAR DI MENO!!
 
 
#12 MARAUDER 2021-07-15 09:59
Alfabeta...magari non fosse esistito :-(.
Una parentesi anacronistica nella Storia; gente che blaterava di Imperi quando già nascevano i primi movimenti anti-coloniali o che contava le baionette ignorando che la prossima guerra (ahimè) si sarebbe combattuta con la Ricerca Operativa.
 
 
#11 alfabeta funzionale 2021-07-15 07:04
Ti pubblico il link dove spiega cosa sia l'analfabetismo funzionale. https://it.wikipedia.org/wiki/Analfabetismo_funzionale
Così vediamo se riesci ad associare le tue esternazioni a quanto scritto nel link. Se non riesci ti do una brutta notizia: rispondi pedissequamente alla descrizione espressa dall'UNESCO.
 
 
#10 alfabeta funzionale 2021-07-15 06:58
bene caro DX, cerco di spiegarmi meglio: il Cav. Mongelli è stato si, antifascista, ma anche fatto cose buone (forse così mi intendi)?
In caso contrario, secondo te, per essere all'altezza, cosa dovrebbe fare un comune cittadino per essere meritorio di una via intitolata? Così almeno capisco quali siano i valori per te.
 
 
#9 Dx 2021-07-14 21:07
Aggiungo anche che se nel secondo dopoguerra fino agli anni 60 sia stato "giusto" premiare chi si era distinto nella liberazione, dopo ben 75 anni e' ora di voltare pagina. E invece i due "PROGRESSISTI" Pavone e Paradiso continuano a cantare "O BELLA CIAO"...
 
 
#8 Dx 2021-07-14 20:49
Alfabeta funzionale hai ragione, ma a parte le foto del sig. Mongelli io qui vedo uno solo dei tanti titoli elencati: quello di "partigiano". Conosco bene la storia del secondo Novecento, e posso dire che tutti quelli che hanno ricevuto incarichi e onorificenze varie erano solo e soltanto "partigiani".
Saluti
 
 
#7 alfabeta funzionale 2021-07-14 08:00
Dunque, ricapitolando:
- essere fondatore e presidente dell'Associazione Cristiana Artigiani Italiani è antifascista;
- essere nominato Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana è antifascista (guardando negli occhi un Presidente della Repubblica);
- essere nominato Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana è antifascista (guardando negli occhi un secondo Presidente della Repubblica);
- aver ricoperto anche il ruolo di vice presidente (leggi numero 2) della Cassa Mutua Artigiani è antifascista;
- aver ricoperto ruoli politici di riferimento con la Democrazia Cristiana è antifascista;
Sono io che non ci arrivo o siete voi che siete troppo avanti?
C'è da dire che non sconoscevo assolutamente la storia di questo gioiese di cui vi è da andar fieri.
 
 
#6 alfabeta funzionale 2021-07-14 07:50
marauder, infatti...così vecchia che, magari, non è neanche mai esistita?...
 
 
#5 DX 2021-07-14 07:24
X alfabeta funzonale: quel di più che viene citato è "propedeutico" all'anti-fascismo, stanne pur certo. Non è un caso che a proporre questa intitolazione sono i soliti consiglieri Paradiso e Pavone, gli stessi che hanno battagliato in consiglio per la Senatrice Segre.
Purtroppo si da per scontato che l'anti-fascismo abbia priorità assoluta su qualsiasi altra cosa e per questa sciocca presunzione, sotto l'ultimo commissariamento, ci siamo visti APPIOPPARE NELLA VILLA COMUNALE un monumento amorfo e indesiderato, non deliberato da nessuna rappresentanza cittadina,pur senza aver mai sentito parlare di questo fantomatico Generale HANDERS, al quale il monumento è dedicato. Questo è il vero ANALFABETISMO FUNZIONALE.

La Redazione
"Fantomatico" non lo era per nulla.
https://it.wikipedia.org/wiki/W%C5%82adys%C5%82aw_Anders

https://www.gioiadelcolle.info/il-cippo-commemorativo-al-generale-wladislaw-anders/
Saluti
 
 
#4 MARAUDER 2021-07-13 15:12
Concordo con DX.
Il fascismo è roba vecchia; lo era già nel '900, figuriamoci oggi.
 
 
#3 Gioiese 2021-07-13 13:40
Non condivido DX io per esempio pur conoscendo da sempre il noto giornalista della Gazzetta e attuale priore della chiesa di S. Domenico ignoravo che il suo papà avesse tanti meriti, inoltre ritengo che l'antifascismo purtroppo è più attuale che mai. Dal mio punto di vista è un ottima iniziativa complimenti.
 
 
#2 alfabeta funzionale 2021-07-13 11:51
Credo sia citato molto di più del semplice antifascismo...ma evidentemente l'analfabetismo funzionale è troppo importante.
 
 
#1 DX 2021-07-13 08:39
Non è per mancanza di rispetto alla persona, ma essendo ormai nel terzo millennio, credo che dovremmo smetterla di immortalare "nomi" (magari mai sentiti prima) solo in virtù dell'anti-fascismo, è storia ormai troppo vecchia. Esisterà o no qualche altro "merito", per poter leggere il nome di un proprio concittadino su di un muro?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.