Domenica 17 Ottobre 2021
   
Text Size

IL NATALE TRADIZIONALE GIOIESE: "LE NOVE LAMPADE"

presepe san francesco

l-francescogreccio“Secondo la tradizione locale, nell'ottobre del 1219 giunse a Gioia del Colle San Francesco di Assisi, di ritorno dal viaggio effettuato nel giugno dello stesso anno in Palestina per incontrare il sultano d'Egitto Al-Malik Al-Kamil, nipote del "feroce" Saladino e per portare la pace durante la V Crociata. San Francesco di Assisi soggiornò con otto frati, tre giorni, presso le grotte carsiche presenti sotto l'attuale Convento francescano. Dopo aver incontrato e benedetto la popolazione, raccomandò ai Gioiesi di volersi bene, di vivere in pace, di amare la Santissima Trinità, Maria ed i Santi e di allestire il Presepe. San Francesco di Assisi ogni mattina veniva riscaldato dal falò appiccato dai contadini, ai quali il Santo aveva raccontato di aver camminato su di un tappeto di carboni ardenti per confermare l'autenticità delle sue intenzioni pacifiche, presso il sultano d'Egitto, rimanendo incolume e percorrendo nove passi.

Dopo la partenza di San Francesco di Assisi, i contadini, ricordando i nove passi compiuti dal Santo, durante la novena di Natale, all'alba accendevano nove fuochi, bruciando le propaggini dei vitigni, per illuminare con le fiaccole la cerimonia religiosa. Nel tempo i nove fuochi divennero nove fiaccole e poi nove lampade ad olio offerte dalle nove categorie produttive maggiori Gioiesi a tutte le Chiese cittadine. Prima le nove lampade ad olio venivano utilizzate per ardere nelle solennità religiose e per gli scopi sacramentali e liturgici. In seguito l'olio delle lampade venne donato ai poveri della città e si utilizzarono lumini più piccoli.

Il rito delle nove lampade inizialmente celebrato in tutte le Chiese di Gioia del Colle, dopo venne effettuato nella sola Chiesa Madre per motivi di sicurezza. Le nove lampade scandivano la solenne novena del Natale, per ogni giorno del novenario veniva accesa, prima dell'alba, una lampada, con il rito della Luce, che ardeva in un lampadario, posto all'ingresso della Chiesa Madre, per tutto il tempo liturgico natalizio, per poi essere dismesso solennemente in occasione della Candelora. Memori della visita di San Francesco di Assisi, in occasione del Natale, le famiglie Gioiesi allestivano il Presepe domestico, utilizzando materiali semplici e statuine di creta. Anche le Chiese e le famiglie nobili realizzavano una sorta di gara sacra a chi realizzava il Presepe più bello, più particolare e suggestivo. I nobili, come segno distintivo di fedeltà a San Francesco di Assisi ed alla Sacra Famiglia, per ottenere la felicità coniugale, lasciavano per tutti i dodici mesi il Presepe, arricchendolo di anno in anno, anche con materiali preziosi. Per tradizione il Convento francescano allestiva il Presepe più grande e monumentale, che competeva bonariamente con il Presepe della Chiesa di San Rocco, essendo il Santo francese, terziario secolare e seguace del "Poverello di Assisi".

Anticamente durante la Santa Messa solenne di mezzanotte, si benedivano le statue di Gesù Bambino dei Presepi di tutte le Chiese di Gioia del Colle. Al termine della Sacra liturgia, in processione, con le fiaccole, le varie statue raggiungevano le proprie Chiese, per far "nascere" Gesù Bambino nel proprio Presepe. Dopo, lo stesso rito veniva svolto presso i Presepi domestici.

Nel passato si assisteva anche, nel giorno di Natale, alla solenne processione di Gesù Bambino, portato a spalle dai sacerdoti Gioiesi che, partendo a mezzogiorno dalla Chiesa Madre, percorreva l'anello viario extramurale cittadino, seguito da tutti i bambini della città e culminava con la solenne benedizione in Piazza San Francesco di Assisi, per poi rientrare nella medesima Chiesa Matrice. La statua di Gesù Bambino era esposta con l'apparato natalizio, per tutto il periodo festivo, quindi il giorno dell'Epifania veniva riportato in sacrestia, dopo il bacio dei piedi. Terminata la reposizione, veniva intronizzata la statua di Gesù fanciullo benedicente, che permaneva fino alla Candelora. I Presepi, inaugurati il giorno dell'Immacolata Concezione, celeste patrona dell'Ordine Secolare Francescano, venivano esposti fino al giorno 02 febbraio, festa della Candelora o della Presentazione di Gesù Bambino al Tempio di Gerusalemme ed erano dismessi il giorno seguente. In ogni famiglia gioiese si celebrava la novena natalizia e dopo la Messa di mezzanotte si faceva "nascere" Gesù Bambino nel proprio Presepe, con canti, candele e la processione domestica. Il componente più piccolo della famiglia portava tra le mani la statuetta di Gesù Bambino, mentre la persona più anziana, dopo la recita delle preghiere ed aver cantato l'inno "Tu scendi dalle stelle", impartiva la benedizione per allontanare ogni male con un ramo di arance preso dal semplice albero natalizio”.

Giuseppe Montanarelli

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.