Lunedì 25 Maggio 2020
   
Text Size

Lavarra: “Alla fine sarà Mozzarella Dop di Gioia del Colle”

mozzarella di Gioia del Colle

enzo lavarra"Enzo Lavarra, ex parlamentare Europeo, per anni si è battuto a livello nazionale ed europeo per questo importante riconoscimento. Infatti è certo che questa volta non ci saranno sorprese, come lo è stato in precedenza.

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale GUUE della Dop Mozzarella di Gioia del Colle – ammette Enzo Lavarra - è traguardo pressoché definitivo, al fine di assicurare il prestigioso e tanto atteso riconoscimento per uno dei prodotti di eccellenza del territorio. Ora tale pubblicazione deve attendere i tre mesi previsti dalla procedura per eventuali opposizioni. Ma dato il lavoro di affinamento del testo del disciplinare, condotto in sede europea dalla rappresentanza a Bruxelles del nostro Ministero delle Politiche agricole, è passaggio destinato a positiva conclusione. Vale sin da ora ribadire che per questo esito è risultata determinante la convergenza operativa fra allevatori e trasformatori con la loro associazione, il ruolo del Gal territoriale, la scelta di superare ristrette dimensioni municipalistiche, in modo da soddisfare i fabbisogni produttivi e raggiungere – chiude - dimensione di scala adeguata per la commercializzazione di rilievo nazionale e internazionale”.

Uff. Comunicazione On. Enzo Lavarra

 

Commenti  

 
#9 Zorro 2019-10-28 16:27
....la mozzarella è ancora fatta con il solo latte? e quale latte se la risposta è sì?
 
 
#8 aldino 2019-10-26 17:28
Grazie Redazione per i chiarimenti.
A prescindere da ciò è doveroso scrivere che la bontà della mozzarella gioiese è un ricordo. Infatti quel sapore corposo con il latte che colava mentre l'addentavi, non lo sento più. Ora mangiare una mozzarella è come bere un bicchiere d'acqua. Insapori entrambi!

La Redazione
Questo è un altro discorso. su cui non possiamo che concordare. La mozzarella gioiese, per un motivo o per l'altro, non è più la stessa di qualche decennio fa.
Saluti
 
 
#7 Realista 2019-10-26 12:02
Bene Redazione la Sua risposta al mio commento #3 Realista è chiarificatrice di come sono andate realmente le cose. Pertanto, consiglierei ai prodigini e fans lucilliani di non millantare meriti non loro così come hanno sempre fatto fino ad oggi.
Grazie e buon lavoro.

La Redazione
Ciò dovrebbe valere per tutti. Ma non per chi comunque si è adoperato, sia pure in minima parte, per arrivare ad ottenere questo risultato. E tra questi ci sono i "prodigini", oltre a tutti i loro predecessori.
[25 luglio 2017]: http://www.gioianet.it/politica/14424-gioia-del-colle-e-mozzarella-si-ritorna-a-parlare-di-dop.html
Saluti
 
 
#6 Zorro 2019-10-26 11:36
Ma il latte utilizzato è quello del nostro territorio?

La Redazione
Così è scritto nel documento ufficiale, sperando che ci siano serrati e duri controlli in merito.
Saluti
 
 
#5 Zorro 2019-10-26 07:40
Ma sarà indicata sulla confezione la provenienza del latte?

La Redazione
E' uno degli obblighi più importanti, riferito però al territorio, non alla singola località.
Basta leggere l'allegato inserito in calce alla notizia pubblicata.
Saluti
 
 
#4 vito di gioia 2019-10-25 06:46
IO SONO CON LA REDAZIONE. LE ALTRE SONO "CAVOLATE" DEI POLITICANTI DI QUESTO ABBANDONATO PAESE. PERO'COME SPESSO SI DICE,UNA LANCIA A FAVORE DELL'ON. LAVARRA PER IL LAVORO SVOLTO A BRUXELLE CHE, SECONDO ME, NON E'COSA FACILE FARE E SEGUIRE UNA LEGGE O UN DECRETO NORMATIVO E IL RICONOSCIMENTO A LIVELLO DI COMUNITA'EUROPEA ANCHE PER UN PRODOTTO DI QUALITA' LOCALE COME LA MOZZARELLA DI GIOIA.
 
 
#3 Realista 2019-10-24 18:37
Per #1 Coerente: E sì due anni fa'è iniziato l'iter e facendo un po' di conti come dice Lei, allora c'era l'Amministrazione Lucila; e quindi, Lei sta tentando di far passare l'importante riconoscimento DOP per la mozzarella di Gioia del Colle come una conquista del suo amato sindaco.
Intanto, Le consiglio di leggersi la seguente intervista rilasciata dal Sig. Petrera rappresentante degli allevatori e produttori caseari:" non credo che gl agricoltori si siano accorti del vostro interessamento sulla DOP.
Anzi inviterei i giornalisti a rivolgere questa domanda ai nostri allevatori.
Non c'è un assessore alle politiche agricole nella vostra giunta perché molto probabilmente non credete in questo settore produttivo che ha avuto sempre un ruolo importante nell'economia del nostro paesello caro Sindaco "
.
Quindi, prima di indicare come paladino il suo sindaco Lucilla si informi meglio su chi ha contribuito fattivamente a che la mozzarella di Gioia del Colle fosse riconusciuta come un prodotto DOP.
Saluti e non me ne voglia........

La Redazione
Il primo a chiedere il riconoscimento della "Mozzarella Dop", con tanto di capitolato sulla sua produzione, fu il dott. Erasmo Pastore. Questo racconta la storia locale. Il resto, chi più chi meno, è solo "appropriazione indebita" da parte di tutti.
Saluti
 
 
#2 Lavarra???? 2019-10-23 15:16
chi sarebbe....??? si è battuto per Gioia????...... che lavoro ha fatto nella sua vita???
 
 
#1 Coerente. 2019-10-23 15:15
Due anni fa'è iniziato l'iter e facendo un po' di conti, allora c'era l'Amministrazione Lucila!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.