Lunedì 25 Maggio 2020
   
Text Size

“PROEVOCAZIONI” STORIE NEL TEMPO NEL PALAZZO ROMANO-foto

proevocazioni-mostra-fotografica

proevocazioni mostra fotografica Dopo il grande successo di Etra, il Palazzo Romano riapre le porte di casa ad una suggestiva visione rivolta a tutta la cittadinanza gioiese e non. “ProeVocazioni.. Storie nel Tempo" è il titolo della manifestazione culturale che dal 15 al 22 dicembre avrà luogo presso lo storico edificio sito in Gioia del Colle in Via Nazauro Sauro, 10.

A pochi passi dalle feste natalizie, al tema della Donna, tra violenza psicologica e discriminazione, sarà dedicato un cammino tra fotografia, installazioni, dibattiti e performances musicali, lungo le storie della nostra società, con sguardi diversi e nuovi punti di vista. In mostra i fotografi Valentina Pavone, YounessTaouil ,Teresa Imbriani.

Per l’occasione, in data 4proevocazioni mostra fotografica dicembre, l’Avv. Lucio Romano, proprietario del Palazzo Romano, ha organizzato e presieduto con disinvolta eleganza e ammirevole empatia, una conferenza stampa durante la quale, in presenza del Sindaco/Assessore alla cultura di Gioia Sergio Povia, della coordinatrice della Mostra Valentina Pavone, il fotografo Alessandro Capurso, Michele Marzella, il Dir. Psicologo Psicoterapeuta, V. Presidente Ordine Psicologi Regione Puglia Vanda Vitone, ho avuto la possibilità di percepire tra ritagli di dichiarazioni pre - durante e post meeting, quale sia davvero il valore emotivo legato a questa Azione Culturale.

Per quale motivo possedere un immobile senza condividerlo con la comunità locale? proevocazioni mostra fotografica

Bella domanda, ma soprattutto, bella risposta! Siamo nell’era della crisi di valori, di modelli comportamentali; esiste davvero una sostanziale differenza tra il “concetto” di Pubblico e Privato? Un esempio concreto di condivisione territoriale, quello dell’avvocato Romano, grazie al quale, per il prossimo anno, nel nostro comune, nuove idee che abbiano una finalità di rianimazione - riflessione locale, sono invitate a nascere e partecipare ad una danza di comunicazione tra arte e realtà.

Germana Surico, com'è consueto preparerà un nuovo allestimento per il Palazzo per renderlo ancora più piacevole ed accogliente in favore di ospiti ed artisti. Lucio Romano è lieto anche questa volta di accogliere tanta nuova bella gente nei suoi ambienti che volentieproevocazioni mostra fotograficari per la seconda volta apre alla città ed ai gioiesi alla vigilia del Natale

E’ bello ricevere belle persone e altrettante idee intelligenti, trasparenti e diamantine – introduce Lucio – il mio piacere, in questo modo, diventa sempre più vivo. Aprire le porte di casa per un “ritorno” che aiuti a crescere. A pensare. Dopo la felice esperienza di Etra, Palazzo Romano, di cui sono proprietario,apre i battenti.Metto a disposizione della mia Comunità, tutti gli spazi e il suo ambiente per una mostra fotografica nuova nel suo genere. Ringrazio il Comune di Gioia per aver condiviso questa mia iniziativa. Michele Jamil Marzellae la sua band di scalmanati - che io chiamo così ma sono tutti professori d’orchestra -già lo conoscevo, in vista di una serie di iniziative già da me coordinate in passato. Ora sono lieto di vederlo tornare a Gioia e idealmente battezzereproevocazioni mostra fotograficamo il suo nuovo cd “la via del possibile” in data18 Dicembre coniugata con la mostra fotografica di cui Valentina Pavone è coordinatrice (insieme ad Alessandro Capurso) a cui passo la parola.”

“Perché il tema della donna? - Sorride Valentina - Tutto è partito dalla mia partecipazione al Festival della fotografia organizzato l’estate scorsa a Pomarico, in Prov. di Matera.dall’AssociazionePhoto Report/Age International Forum, con un lavoro rivolto alla violenza sulla Donna. Violenza questa volta da me riproposta e affrontata in chiave psicologica, con uno sguardo rivolto anche alla discriminazione. Per questa avventura ho scelto di farmi affiancare da un fotografo marocchino YOUNNESS TAOUIL che vive in Italia da anni, con la sua “visione stravagante” ed uno stile geniale, oltre che dalla ricerca introspettiva della figura femminile della fotografia di Teresa Imbriani, la partecipazione attiva dell’associazione Fotografi di strada” e un fuori programma del fotografo Alessandro Capurso (grafica e comunicazione dell’intero evento)”.

Troppo spesso cadiamo nell’errore d’inseguire gratificazioni effimere - segue Michele Marzella - come deturpare l’essenza del creato credendo che ciò possa aiutare ad alleviare la nostra infelicità; il vero problema è l’incapacità di entrare in armonia con ciò che ci circonda, di sentircene parte attiva e di goderne la bellezza. L’UNIONE AL TUTTO è l’unica verità che valga la pena ricercare.

Traspare vivida la consapevolezza che ProeVocazionidesideri diventare un’opportunità di raccontaproevocazioni mostra fotograficare e riflettere, che si voglia dare cioè a questamostraun taglio risoluto, capace di rievocare un doppio-strato di valore, di non essere cioè fine a se stessa, ma di fungere anche da contenitoredi“contenuti ulteriori” con chiacchierate diverse. Parteciperanno ancora le opere diuno scultore pugliese Stefano Rossi e come ospite un’installazione dal titolo FREEDA dedicata a Melina Procinoa cura di due visual Artist locali Tiziana Resta e Daniela Petrera. La manifestazione si concluderà con il Dj set finale del 22 con Dodo Lillo e le performance musicali della sua band..

Noi vogliamo essere al fianco degli artisti e promuovere queste iniziative. Ci auguriamo di poter utilizzare le risorse che abbiamo per poter favorire le future attività del Palazzo Romano, di riaprire un capitolo culturale che parte da una nuova forma di mecenatismo culturale – conclude il sindaco - un’iniziativa che dobbiamo recuperare, riproporre nel tempo, farla diventare un appuntamento fisso, in una comunità che ha bisogno di meno disgregazioni, in un tessuto culturale che desidera opportunità che possano diventare nuove forme di fermento.

Ricordiamo gli appuntamenti e invitiamo le scuole ad essere parte attiva di questo progetto:

15 dicembreproevocazioni mostra fotografica h. 19.30 vernissage;

17 dicembre h. 19.30 “Ho visto la poesia morire” presentazione del libro di Isabella Capozzi – Presenta Irene Martino, interludi musicali di Ilaria Nitti

18 dicembre "Storia di Giuseppe il falegname" con e di Vito Lopriore e Michele Jamil Marzella, in occasione verrà presentato in anteprima il disco " La via del Possibile" del M° Marzella h 19.30

20 dicembre dibattito " Tutela e prevenzione della discriminazione di genere sul lavoro" e "La violenza interfamiliare" h. 19.30

22 dicembre DJ Set e chiusura dei Lavori h.19.30

Con la partecipazione straordinaria dell'Associazione fotografi di Strada con la collettiva fotografica "TUTTE LE STORIE SONO VERE" a cura di Alessandra Positano e delle sculture del M° Stefano Rossi. Installazione “Il n’y a rien de plus eternelduchangement” a cura di Tiziana Resta e Daniela Petrera.
La mostra sarà aperta tutti i giorni dal 15 al 22 dicembre dalle ore 18.00 con ingresso libero. [foto Mario Di Giuseppe]

proEvocazioni

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.